Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Iol: proposte alternative a licenziamento collettivo

Si è svolto in data odierna l’incontro, concordato il giorno 11/4, presso il MISE tra OO.SS. nazionali e coordinamento nazionale RSU ITALIAONLINE e Azienda.

Le Organizzazioni sindacali hanno declinato sia al Ministro Calenda che all’Azienda le alternative percorribili rispetto al piano di licenziamento collettivo proposto da Italiaonline S.P.A.

Nello specifico hanno segnalato come sia possibile fruire in prima battuta della solidarietà difensiva a partire da Giugno 2018 e, a seguire, della cassa integrazione per riorganizzazione.

L’utilizzo degli ammortizzatori sociali in essere dovrebbe essere accompagnato da un piano formativo che coinvolga tutti i dipendenti di Italiaonline.

In concomitanza con l’utilizzo degli ammortizzatori sociali le OO.SS ritengono necessario che, essendo in atto assunzioni in aziende del Gruppo, si dia diritto di prelazione ai dipendenti di  Italiaonline coinvolti dagli ammortizzatori sociali per la allocazione nelle aziende che assumono.

Le OO.SS. hanno inoltre evidenziato che i mesi di fruizione degli ammortizzatori sociali consentirebbero alle parti di avvicinare un numero congruo di dipendenti al traguardo pensionistico, chiedendo nel contempo una norma di raccordo che consenta di utilizzare l’art 4 della legge Fornero in merito all’isopensione.

Hanno anche proposto il reitero di piani di esodo volontario incentivato con diverse soluzioni agibili che consetirebbero, quota parte, l’ulteriore possibile raggiungimento dei requisiti pensionistici.

Infine hanno chiesto di sospendere le previste esternalizzazioni di attività che generano un numero cospicuo di esuberi.

Dunque le OO.SS hanno inteso ed intendono agire un negoziato finalizzato ad accompagnare un piano riorganizzativo non traumatico per i lavoratori, ivi comprendendo la non coattività dei trasferimenti verso Assago.

Come le OO.SS avevano previsto, l’originaria proposta di partenza, frutto delle tre settimane di incontro tra ministero ed azienda, che pareva prevedere la riduzione degli esuberi da 400 a 200 unità si è palesata manifestamente infondata e legata alla assoluta discrezionalità aziendale.

Preme ricordare che Italiaonline S.p.A. , già in costanza di fruizione di ammortizzatori sociali per circa 700 lavoratori, ha deliberato l’erogazione di un extra dividendo di 80 milioni a marzo dello scorso anno ed oggi prevede un piano di premialità per i manager, legato al presente piano riorganizzativo, pari a 6,7 milioni €.

Le OO.SS., in relazione alla avvenuta apertura della procedura di licenziamento collettivo per cessazione di attività che coinvolge 400 lavoratori, hanno oggi inviato formale richiesta di incontro, cosi come previsto dalla normativa vigente.

Riteniamo che il percorso da intraprendere, così come più volte detto dal Ministro, debba essere quello forse più complicato in termini di costruzione di alternative ai licenziamenti ma sicuramente percorribile ed eticamente corretto per i lavoratori e per il sistema paese.

Le istituzioni locali i cui territori sono interessati dal piano riorganizzativo, presenti in molte fasi del negoziato, sono parimenti informate delle proposte sindacali. Confidiamo che si possa lavorare di concerto per evitare estromissioni forzate di lavoratrici e lavoratori da un’azienda che potrebbe costituire una eccellenza nel panorama delle aziende digitalizzate italiane.

Sono state proclamate per domani due ore di sciopero nazionale durante le quali tutte le lavoratrici ed i lavoratori saranno informati dell’andamento del negoziato.

SLC-CGIL
FISTEL-CISL
UILCOM-UIL

Stampa questo articolo Stampa questo articolo