8 produzione culturale elab180x180PRODUZIONE CULTURALE

Siamo a conoscenza del fatto che in questi giorni il Governo discuterà un decreto legge sulle Fondazioni Liriche, per trovare una soluzione ai precari, che in questo settore sono cresciuti ben oltre le necessità - così annuncia un comunicato unitario SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL e FIALS CISAL. Pur se questo settore ha la necessita' di attingere a personale aggiuntivo, per coprire le esigenze di determinati spettacoli, In questi anni di crisi, grazie ad una specifica deroga per le assunzioni a termine, i precari hanno sostituito quello che dovrebbe essere personale a tempo indeterminato. La Corte di Giustizia europea ha contestato questa deroga e quindi questi lavoratori rischiano il posto di lavoro, anche se precario.
 
"Auspichiamo che il decreto legge stabilisca un percorso di stabilizzazioni e che non limiti in alcun modo il diritto del lavoratore di essere reintegrato, in caso di violazione delle norme e garantisca i diritti di precedenza senza alcun limite rispetto alla maturazione dei periodi lavorati - prosegue la nota. Da troppi anni sono soltanto i lavoratori a pagare la crisi della lirica. Se gli organici saranno condizionati  dall'equilibrio economico dei singoli teatri sara' un altra spada di Damocle sulla testa dei lavoratori. Questi teatri possono produrre se ricevono adeguate risorse pubbliche e certezza di questo fondi. Invece chi programma teme sempre il taglio del contributo, per non parlare di come vengono erogati i contributi regionali."
 
"I dipendenti delle Fondazioni Liriche hanno anche necessità di certezze contrattuali, sia a livello nazionale che territoriale - concludono i sindacati. E' necessario un confronto con Il Ministero per approfondire i problemi per lo spettacolo dal vivo."  
0
0
0
s2sdefault

TUTTE LE NOTIZIE