In data odierna è stato siglato il rinnovo del Cnnl dell’industria cartaria e cartotecnica. L’accordo prevede un aumento di 106 euro, di cui 100 euro sui minimi e un incremento dello 0,3% della quota carico azienda sul fondo byblos (previdenza complementare) per ogni lavoratore, con scadenza 31 dicembre 2024.

I punti salienti sui quali si è raggiunta l’intesa sono i seguenti:

- modernizzazione attraverso l’unificazione della normativa tra impiegati e operai,
- mensilizzazione della retribuzione,
- riconoscimento di due nuove figure e relativi livelli professionali,
- banca ore negativa,
- riconoscimento dell’indennità economica di polivalenza e polifunzionalità,
- innovazione tecnologica e formazione professionale,
- istituzione del gruppo di lavoro che durante la vigenza contrattuale dovrà lavorare all’ammodernamento, all’individuazione e all’inserimento delle nuove figure professionali richieste dalla trasformazione tecnologica. Inoltre, il gruppo di lavoro avrà il compito di valorizzare la crescita professionale dei lavoratori.



“Il rinnovo del contratto è un segnale importante per un settore industriale che durante la pandemia non ha mai smesso di lavorare e che oggi si presta a rivestire un ruolo strategico nell’ambito della transizione ecologica e dello sviluppo sostenibile” – dichiarano Fabrizio Solari e Giulia Guida, rispettivamente Segretario Generale e Segretaria Nazionale SLC CGIL.

L’importanza della filiera della carta nel quadro generale della ripresa economica nazionale “è testimoniata, peraltro, dal peso significativo che essa ricopre nell’assegnazione delle risorse del PNRR” – aggiungono i Segretari.

L’ipotesi di accordo verrà ora sottoposta al voto dei lavoratori, attraverso la campagna assembleare che si svolgerà nel mese di settembre.

Roma, 28 luglio 2021

Fabrizio Solari e Giulia Guida
Segretario Generale e Segretaria Nazionale SLC CGIL

rinnovo ccnl carta tw

 

COMUNICATO UNITARIO

Nella giornata del 28 luglio 2021, le Segreterie Nazionali di SLC, UILCOM, FISTEL, hanno raggiunto un’intesa siglando il rinnovo del CCNL cartai cartotecnici. Nonostante le tante difficoltà dettate dall’emergenza sanitaria anche se il settore ha continuato l’attività produttiva, la trattativa ha dovuto affrontare notevoli problematiche che ne hanno rallentato i progressi.

Le Segreterie Nazionali unitamente all’intera delegazione trattante hanno comunque raggiunto un accordo per rinnovare il CCNL di settore in un’ottica di modernizzazione della struttura partendo dall’impianto normativo coerentemente ai processi di innovazione tecnologica e di digitalizzazione. E’ stata semplificata la normativa riguardante la prima parte del contratto, unificando la disciplina applicata agli impiegati e agli operai, omogeneizzandoli laddove possibile ed introducendo il meccanismo della mensilizzazione come calcolo della retribuzione anche per gli operai.

Sul versante della classificazione unica sono state introdotte due nuove figure professionali ai livelli C1 eC2:
-conduttore taglierina
-conduttore estrusore.

Inoltre, è stato istituito un gruppo di lavoro per riformare e modernizzare la classificazione unica, che avrà il compito di analizzare ed identificare le nuove figure professionali, aggiornare la scala parametrale, riformulare in un’ottica di valorizzazione professionale più il ruolo che la mera mansione dei lavoratori tenendo conto dell’innovazione tecnologica e della nuova organizzazione del ciclo produttivo.

In linea con il processo di innovazione abbiamo introdotto, come richiesto nella piattaforma sindacale, l’indennità di polivalenza e di polifunzionalità che permetterà a quelle figure funzionali all’ottimizzazione del ciclo produttivo di avere un riconoscimento non solo professionale ma anche economico.

Verrà costituito un altro gruppo di lavoro che, partendo da un’analisi approfondita dei mutamenti delle filiere merceologiche possa ridefinire la sfera di applicazione e la stessa struttura del CCNL rendendolo più moderno e più funzionale al governo delle problematiche dei comparti.

Altri strumenti innovativi introdotti, sono quelli che riguardano il capitolo sull’innovazione tecnologica e alla correlata formazione necessaria l’aggiornamento professionale, considerando le maggiori risorse destinate al settore in coerenza con quanto previsto nel PNRR. Potrà essere concordato a livello aziendale un nuovo strumento per la gestione della banca del tempo, meccanismo che in altri contratti ha garantito buoni risultati.

Il contratto avrà scadenza il 31 dicembre 2024 e prevederà un aumento economico di euro 100 al livello C1 suddivisi in 4 tranche: 30 Euro gennaio 2022, 30 Euro gennaio 2023, 20 Euro gennaio 2024, 20 Euro luglio 2024.

Viene inoltre riconosciuta una tantum di euro 150 da erogarsi nel mese di ottobre, al termine conseguentemente allo scioglimento della riserva.

Inoltre, a decorrere dal 1° gennaio 2023 viene riconosciuto un aumento pari allo 0,3% del contributo a carico del datore di lavoro in favore delle lavoratrici e dei lavoratori aderenti a Byblos.

SLC CGIL-FISTel CISL- UILCOM UIL dando un giudizio complessivamente positivo all’intesa sottoporranno dal 01 settembre e non oltre il 30 settembre l’ipotesi di accordo al giudizio dei lavoratori in tutti i luoghi di lavoro.

Roma, 29 luglio 2021

Le Segreterie Nazionali
SLC CGIL FISTEL CISL UILCOM UIL

0
0
0
s2smodern