8 produzione culturale elab180x180PRODUZIONE CULTURALE

SICUREZZA SENZA SE E SENZA MA

Con la ripresa diffusa del lavoro in ufficio da parte di quasi metà del personale, cui va aggiunta la quota in presenza degli smart workers, si pone il problema di mettere in sicurezza senza se e senza ma i lavoratori fragili, la cui tutela è stata estesa senza soluzione di continuità dal Decreto Legge 22 aprile 2021, n. 52.

A nulla valga argomentare sulla conflittualità in atto tra lavoratori ed azienda in ordine ad un brutto accordo di sparuta minoranza: i lavoratori fragili vanno tenuti esenti dal rischio di contagio, senza pretendere da essi l’accettazione di condizioni peggiorative del CCNL (ciò che è vietato dalla normativa sullo smart working) ed inferiori persino alle condizioni di lavoro da remoto praticate da oltre un anno a questa parte in azienda.

Senza se e senza ma, nel rispetto della vita umana.

E se vogliamo dirla tutta, ai lavoratori fragili vanno affiancate le categorie che la Legge – non i sindacati “irresponsabili” – sta tenendo esente dal lavoro in presenza, come i genitori in determinate condizioni: senza se e senza ma, perché lo impongono le centinaia di morti che ancora funestano i nostri giorni.

Non possiamo credere che l’azienda voglia sfruttare paura e bisogno per fare pressione sui lavoratori, cosa che nessun sindacalista “irresponsabile” si è sognato di fare.

Sarebbe sbagliato soprattutto per l’Ente dare anche solo l’impressione che voglia fare numero e “consenso” su chi ha bisogno, su chi sta male, su chi ha paura di morire di Covid o di infettare i familiari, su chi non regge alla pressione. 

Non è responsabile giocare con il fuoco, quando è in ballo la salute, sappiano tutti che ognuno di noi si assume la piena responsabilità in ogni sede del comportamento di questi giorni, noi “irresponsabili” per primi. La circostanza è grave, le leggi sono chiare e i tentativi di aggirarle iniqui ed inefficaci, la vita umana resta più importante delle dimostrazioni di potere.

In merito all’ultima comunicazione ricevuta dall’azienda ci teniamo a ricordare che i lavoratori che hanno detto NO non hanno rifiutato il lavoro agile, ma solo l’accordo sottoscritto da Cisl e Uil.

SLC CGIL
CONFSAL CADA
CISAL
FNC UGL COMUNICAZIONI

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

I lavoratori dello spettacolo non sono privilegiati

  6 Giugno 2022   Spettacolo produzione culturale
SPETTACOLO: LAVORATORI PRIVILEGIATI? DI MARCO (SLC CGIL), LUOGHI COMUNI MIOPI E DATATI Come sindacato troviamo che il dibattito circa le condizioni di vita e di lavoro degli interpreti in Italia, sviluppatosi nelle ultime settimane sui media e sui social, abbia amp...

Sport, siglata l'ipotesi di accordo sul CCNL

  1 Giugno 2022   sport
Il 30 maggio si è tenuto il previsto incontro tra la Confederazione Italiana dello Sport e Slc Cgil, Fisascat Cisl e Uilcom Uil, per proseguire la trattativa sul rinnovo del CCNL per i dipendenti degli impianti e delle attività sportive profit e no profit, ed in tale...

The Space Cinema, indetto lo stato di agitazione

  24 Maggio 2022   Spettacolo cinema produzione culturale
Spett.le The Space Cinema c.a. dott. Rossignoli Spett.le Anec c.a. dott. Gialdini e p.c. lavoratori di The Space Cinema OGGETTO: Comunicazione stato di agitazione Nonostante gli ingenti contributi economici messi a disposizione dalle Istituzioni Nazionali e L...

DDL Spettacolo, serve un confronto serrato col Governo

  19 Maggio 2022   Spettacolo produzione culturale
Mercoledì 18 maggio è stato approvato al Senato il Ddl Spettacolo. La Slc Cgil saluta questo evento come il primo passo decisivo per una riforma da lungo tempo voluta dai lavoratori e dalle lavoratrici del settore. Molto rimane ancora da fare. Al risultato ottenuto...

Spettacolo, diventa più concreta l'introduzione dell'indennità di discontinuità

  4 Maggio 2022   Spettacolo produzione culturale
SPETTACOLO, INDENNITÀ DI DISCONTINUITÀ: DI MARCO (SLC CGIL), RISULTATO STORICO PERSEGUITO CON DETERMINAZIONE DAL NOSTRO SINDACATO Il Governo è delegato ad adottare, entro nove mesi, l’introduzione di una indennità di discontinuità, quale indennità strutturale e per...

Audiovisivo, rinnovato il ccnl dei lavoratori generici

“Mercoledì 13 aprile, presso la sede Anica, le parti sociali - Anica, Apa e Ape, Slc-Cgil, Fistel- Cisl e Uilcom-Uil- hanno sottoscritto il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro dei generici. Dopo ampio dialogo sociale, si è giunti al rinnovo di un c...