8 produzione culturale elab180x180PRODUZIONE CULTURALE

COMUNICATO

Ieri, 26 maggio 2020, si è insediato il primo Coordinamento nazionale Tecnici dello spettacolo dal vivo della SLC CGIL.

Questi professionisti sono una componente fondamentale dello spettacolo dal vivo, hanno particolari tipologie contrattuali che rendono il loro lavoro atipico.

Spesso dipendenti dalle Cooperative, sono anche partite iva o dipendenti da teatri e service.

Come tutti i lavoratori dello spettacolo stanno pagando duramente la crisi determinata dalle misure introdotte per arginare l’epidemia da Covid-19.
Per molti di loro l’attività principale si svolge durante il periodo estivo, tra concerti e festival. Altri sono legati alle produzioni teatrali. Le sospensioni imposte stanno determinato per questi professionisti una fortissima perdita di reddito ed anche la non trascurabile perdita delle giornate contributive.
Molti festival e concerti sono stati cancellati, il comparto vive di grandi incertezze.

E’ necessario in questo momento unirsi per ragionare insieme di come si può ripartire, chiedere tutele per chi comunque non potrà riprendere a lavorare e misure per il futuro.

Per il sindacato è necessario conoscere e sviluppare proposte che nascano dai bisogni dei lavoratori, tanto più in un settore che ha pochissime tutele.

La tipologia lavorativa più frequente è quella intermittente, proprio quella che non trova tutele negli ammortizzatori. Imprese e lavoratori, che pagano il Fondo di Integrazione Salariale, hanno tristemente preso atto che per loro quella tutela non esisteva.

Il coordinamento nazionale avrà il compito di approfondire i temi di questi professionisti, compreso il CCNL di riferimento.

Roma 27 maggio 2020

0
0
0
s2smodern