6 servizi postali elab180x180SERVIZI POSTALI

Il coordinamento nazionale Area Servizi si è riunito in data odierna.
Il segretario nella propria relazione ha parlato dell’incontro che c’è stato il 13 giugno con il nuovo Amministratore Delegato di Poste Italiane, soffermandosi sulle questioni emerse durante lo stesso: nuovo piano industriale, interventi su PCL e MP, CCNL e Premio di Risultato.
In merito SLC ha ribadito la necessità di procedere in tempi brevi a definizione del CCNL, per poter poi avviare le trattative relative al rinnovo del Premio di Risultato. Il tutto partendo da un intervento pesante sulle Relazioni Industriali territoriali, necessario per garantire il rispetto degli intendimenti presi a livello nazionale e l’esigibilità degli accordi che verranno sottoscritti sui vari comparti nei quali opera l’azienda.
Il coordinamento esprime perplessità in merito alla nuova Clusterizzazione degli uffici postali, in particolare auspica una minore incidenza dell’elemento legato al numero delle operazioni di sportello sull’algoritmo di calcolo, poiché la forte spinta verso l’operatività on line che Poste Italiane, così come tutti gli operatori del settore finanziario, ha messo in atto, porta necessariamente ad una contrazione del numero di operazioni, a fronte però di un aumento delle attività di tipo relazionale che di per sé si presenta come maggiormente complessa.
Su PCL il coordinamento auspica una profonda revisione del piano aziendale, partendo in particolare dalle aree già implementate che, così come emerso anche dagli incontri aziendali, hanno mostrato le lacune organizzative ed in generale un fallimento del servizio; nei fatti il piano aziendale ha sacrificato la qualità del servizio per una auspicata contrazione dei costi, che non si è verificata: ovunque sono aumentate le ore di flessibilità e di straordinario, associati ad un netto peggioramento delle condizioni di lavoro.
Il coordinamento chiede alla Segreteria Nazionale di aprire un Focus sulla attuale normativa relativa alla APE Social, al fine di verificare assieme alle strutture della Cgil la possibilità di includere alcune figure professionali tra quelle beneficiarie delle relative agevolazioni.
Relativamente alle iniziative lanciate nell’ultimo coordinamento, la segreteria ha riferito sullo stato dell’arte: il progetto sul precariato verrà lanciato nelle prossime settimane assieme alla CGIL confederale, ed già è stata legata alla manifestazione del 17 giugno che ha tra i suoi temi sicuramente il precariato ed a cui si ritiene doverosa la massiva partecipazione dei Lavoratori di Poste; i gruppi di lavoro sono stati costituiti e stanno completando le piattaforme rivendicative da presentare poi ai lavoratori; il coordinamento quadri si è già riunito ed ha deciso che nel prossimo appuntamento verrà invitato un referente di AgenQuadri ed il responsabile SLC Quadri, per lanciare iniziative assieme alla confederazione.
Infine il coordinamento condivide la proposta della struttura nazionale di lavorare, con la confederazione e le altre sigle sindacali, su una piattaforma di regolamentazione del mercato dei servizi postali, che ponga regole di base cui attenersi al fine di evitare il fenomeno del ricatto occupazionale che si sta ingenerando nel settore a danno di lavoratori.
Il coordinamento condivide e ritiene parte integrante del presente documento il volantino ad esso allegato.
Letto ed approvato all’unanimità.

Scarica il documento aggiuntivo: documento aggiuntivo coordinamento

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Poste Italiane: primo monitoraggio stress e patologie

  10 Aprile 2019   Comunicati stampa poste italiane
Inca e Slc Cgil hanno presentato oggi ai lavoratori ed ai rappresentanti sindacali della più grande azienda pubblica italiana la prima indagine sulla qualità del lavoro nel settore finanziario.  "Un'indagine a tutto campo - commenta Silvino Candeloro del col...

Poste Italiane: campagna nazionale tra lavoratori del comparto finanziario

  9 Aprile 2019   poste italiane servizi postali
In Italia, l’attività dei lavoratori addetti alla consulenza finanziaria in Poste Italiane espone molti lavoratori e molte lavoratrici a pressioni psicologiche che hanno un forte impatto sulle loro condizioni di salute: il raggiungimento degli obiettivi Commerciali, ...

Poste: azienda risponda a nostre obiezioni su discriminazioni lavoratori

  29 Marzo 2019   poste italiane
 “È grave che Poste Italiane, una delle più grandi aziende pubbliche di servizio del Paese, non abbia ritenuto utile approfondire e rispondere alle obiezioni da noi sollevate su temi sensibili e delicati come quelli che riguardano il diritto delle...

Poste: bene accordo a Torino per servizio portalettere senza mezzi a motore

  28 Marzo 2019   poste italiane
Una buona notizia per i dipendenti di Poste italiane e per l'ambiente: è stato sottoscritto unitariamente, per la città di Torino, un accordo che prevede la riorganizzazione del recapito cittadino volto ad aumentare le zone servite senza l'ausilio di mezzi a motore s...

Poste: no ad accordo mobilità discriminatorio

  22 Marzo 2019   Comunicati stampa poste italiane
Non basta sbandierare un grande bilancio, nè basta pubblicare un codice etico senza applicarlo. Slc Cgil oggi si è rifiutata di firmare un accordo di mobilità che consideriamo discriminatorio" dichiara Nicola Di Ceglie, segretario nazionale Slc Cgil in merito all'acc...

Poste: bene bilancio, ma Ccnl scaduto

  20 Marzo 2019   Comunicati stampa poste italiane
Apprendiamo dai media l’ennesimo risultato positivo di bilancio per il 2018 comunicato dall’Ad di Poste Italiane, Matteo Del Fante. Anche noi siamo soddisfatti di questo ottimo esito, frutto del lavoro quotidiano e della capacità delle Lavoratrici e Lavoratori di Pos...