6 servizi postali elab180x180SERVIZI POSTALI

Il giorno 7 Febbraio si è tenuto l’incontro tra l’azienda e le OO.SS. In premessa l’azienda ha confermato sia le previsioni per l’esercizio economico 2016, che ha chiuso con segno negativo, che l’impegno a tutto campo nella ricerca di contenimento dei costi e di nuove commesse. Afferma inoltre di scorgere segnali di reazione positiva del “sistema azienda”. Sono stati affrontati i temi:

Gestione delle eccedenze.
L’Azienda ha fornito, con un certo ottimismo, le cifre dei dipendenti trasferiti verso la Capogruppo, o altre aziende del gruppo, e quelli in corso di valutazione. Considerando però i trasferimenti effettivamente realizzati fino ad oggi, stimabili in poche decine di casi, riteniamo che siano ancora in numero troppo esiguo rispetto a quanto concordato con l'avvallo della capogruppo.
L’azienda ha inoltre dichiarato soddisfazione per gli esodi incentivati realizzati nel corso del 2016, a cui si aggiungono quelli che verranno attuati nel 2017; la ricerca di posizioni verso la capogruppo andrà avanti ancora per diverse settimane e non è stato escluso il ricorso alla ricollocazione interna.
Al tavolo abbiamo ribadito quanto scritto nel recente comunicato, ossia che la gestione delle eccedenze dovrà chiudersi in tempi brevi. Rinnoviamo pertanto l’appello al rispetto degli impegni presi al tavolo da parte dei rappresentanti della capogruppo, affinché si offrano più ampie opportunità di ricollocazione dei Lavoratori di Postel che, sottolineiamo, sono parte integrante del gruppo.
L'azienda ci ha comunicato nuove disponibilità della capogruppo sul sito di Palermo: un buon segnale che va nella direzione della nostra sollecitazione. Abbiamo chiesto inoltre di rendere trasparente il processo decisionale per la selezione dei lavoratori. Riteniamo infatti che il prevalere dell’elemento discrezionale da parte della Capogruppo rechi uno squilibrio rispetto a quanto pattuito.
Esprimiamo preoccupazione per il risultato dei trasferimenti sulle sedi di Milano e Genova. Su quest’ultima in particolare, dove la scarsità di ruoli proposti non si è incontrata con le professionalità dei lavoratori Postel che hanno aderito all’accordo.
Infine riteniamo incoerente che alcuni lavoratori con il ruolo di “operatore”, che hanno aderito all’accordo, invece siano stati considerati “incedibili” da parte dei responsabili e non ammessi al percorso.

Progetto “Evoluzione e Gestione della Clientela SME e Vendite a Distanza
Per quanto riguarda la riorganizzazione in area Vendite, riteniamo interessante la creazione di una struttura dedicata ai piccoli clienti che in Postel è stata spesso trascurata al punto che la stessa azienda ha dichiarato importanti perdite di fatturato nel solo 2016.

Abbiamo chiesto garanzie per i Lavoratori coinvolti nel progetto, sia sul piano della professionalità che della tutela economica. Le dichiarazioni fatte al tavolo da parte aziendale hanno fugato i dubbi su possibili azioni di “demansionamento” in quanto le prerogative del ruolo commerciale restano valide, pur nel cambiamento dal punto di vista operativo. Abbiamo però richiesto un momento di verifica, trascorsi alcuni mesi, sull’andamento del progetto.
Oltre a ciò abbiamo chiesto un impegno affinché l’attenzione ai piccoli clienti non si concentri solo sul lato della vendita ma coinvolga le strutture dedicate all’attivazione dei servizi, dell’assistenza post vendita e dell’esercizio. Le lavorazioni dei piccoli clienti, infatti, possono essere considerate un “segno di riferimento” per la qualità dei servizi che, purtroppo, per molto tempo è stata sacrificata a vantaggio della Produttività dei grandi volumi.

Armonizzazione Lavoratori Address S.p.A.
Siamo stati informati dall’azienda sulla trasformazione dei contratti di lavoro dei dipendenti di Address S.p.A, società partecipata del gruppo Postel con una quota del 51%. Per ragioni di omogeneità di trattamento e coerenza nella gestione dei contributi pensionistici, i contratti degli 8 dipendenti vengono armonizzati dal contratto dei Metalmeccanici al CCNL di Poste Italiane, al pari dei dipendenti Postel.
Rimandati al prossimo incontro i temi in ambito OPE (Progetto di riorganizzazione e individuazione dell’Indicatore di Produttività Mass Printing.

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Poste: no ad accordo mobilità discriminatorio

  22 Marzo 2019   Comunicati stampa poste italiane
Non basta sbandierare un grande bilancio, nè basta pubblicare un codice etico senza applicarlo. Slc Cgil oggi si è rifiutata di firmare un accordo di mobilità che consideriamo discriminatorio" dichiara Nicola Di Ceglie, segretario nazionale Slc Cgil in merito all'acc...

Poste: bene bilancio, ma Ccnl scaduto

  20 Marzo 2019   Comunicati stampa poste italiane
Apprendiamo dai media l’ennesimo risultato positivo di bilancio per il 2018 comunicato dall’Ad di Poste Italiane, Matteo Del Fante. Anche noi siamo soddisfatti di questo ottimo esito, frutto del lavoro quotidiano e della capacità delle Lavoratrici e Lavoratori di Pos...

FondoPoste: materiali per elezione assemblea

  15 Marzo 2019   poste italiane
Dal 25 marzo al 14 aprile 2019 si vota per eleggere i nuovi membri dell'Assemblea dei delegati di FondoPoste. Il Consiglio di Amministrazione di Fondoposte, nella riunione del 19 dicembre 2018, rilevato che il mandato dell’attuale Assemblea dei Delegati scade il 27...

Poste: incontro urgente su gestione reddito di cittadinanza

  28 Febbraio 2019
Slc Cgil nazionale ha chiesto un incontro urgente ai vertici di Poste Italiane circa la gestione del picco di lavorazione legata al  Reddito di Cittadinanza. "Riceviamo preoccupanti segnalazioni dai territori - annuncia Nicola Di Ceglie, segretario nazionale Slc...

Poste: accordo su smart working

  24 Gennaio 2019   poste italiane
“Da oggi anche in Poste Italiane si avvia il processo di sperimentazione dello smart working.” Ad annunciarlo è Nicola Di Ceglie, Segretario Nazionale Slc Cgil che afferma che “è stato sottoscritto ieri sera un importante ed innovativo accordo in tema di lavoro agile...

Poste: Comunicato unitario PCL riorganizzazione CD

  17 Gennaio 2019   poste italiane
Prima di proseguire con l’implementazione del nuovo modello di recapito abbiamo posto all’Azienda come condizione imprescindibile la verifica delle problematiche conseguenti la realizzazione della nuova riorganizzazione. A seguito della forte e determinata posizione...