5 tlc elab180x180TLC E EMITTENZA

COMUNICATO SINDACALE VODAFONE

Il 29 ottobre le Segreterie Nazionali e territoriali di SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL ed il coordinamento elettivo delle Rsu di Vodafone hanno siglato un importante Accordo sullo Smart Working che traguardi la fine della fase emergenziale fissando un modello sperimentale che avrà inizio dalla fine dell’emergenza Covid.

In un momento tanto delicato come quello che il Paese sta attraversando a causa della pandemia, era importante sancire tra le parti un Accordo che fissasse regole condivise per un modello organizzativo nuovo e potenzialmente capace di rivoluzionare l’organizzazione del lavoro in azienda quale quello del lavoro agile o remotizzato.

L’Accordo prevede per i customer percentuali di giornate di lavoro da svolgersi all’esterno delle sedi pari all’ottanta percento del monte ore annuo. Il resto dell’azienda invece avrà il sessanta per cento di ore svolto in modalità “agile”.

Nelle giornate da svolgere in sede si privilegeranno percorsi formativi e momenti di confronto fra i lavoratori e le lavoratrici con i loro responsabili che possano evitare episodi di isolamento, di individualizzazione e di alienazione.

Nell’Accordo le parti hanno provato a dare risposte che potessero portare cambiamenti in termini economici e, in modo significativo, sul campo dei diritti. Si è cercato un ristoro economico da riconoscere alle lavoratrici ed ai lavoratori, quantificabile in un risparmio annuo di circa 150/160 Euro alla luce del riconoscimento degli 0,41 cc del Ticket Restaurant e della diminuzione del costo della SIM aziendale da 9 Euro a 5 Euro mese. A questo si aggiunge lo sconto sull’offerta dipendenti su ADSL/Fibra che avrà un costo di 19,90 Euro.

Sul fronte dei diritti si segnala la forte attenzione ai problemi legati alla disabilità, alle fragilità (immunodepressive o oncologiche). Particolarmente importanti le iniziative legate alla tutela delle lavoratrici vittime di violenza di genere.

Altro tema innovativo riguarda le misure aggiuntive a tutela della genitorialità che riconoscono ulteriori settimane di aspettativa retribuita.

Dal punto di vista logistico l’Accordo sancisce il pieno diritto delle lavoratrici e dei lavoratori, tanto nella fase emergenziale che nella sperimentazione post emergenziale, ad avere una idonea dotazione sia dal punto di vista informatico e della connessione, compreso il wifi per il broad band mobile illimitato che permetta di effettuare la prestazione lavorativa in luoghi diversi dal proprio domicilio, che da punto di vista della tutela dell’ergonomia (sedie, monitor).

Sulla tutela del diritto alla disconnessione le parti hanno individuato delle fasce lavorative al di fuori delle quali i lavoratori hanno diritto a disconnettersi. Viene garantita naturalmente la flessibilità sia in ingresso che in uscita come oggi già organizzato nelle sedi dei vari territori. Come OO.SS. riteniamo di aver raggiunto un Accordo equilibrato che migliora le condizioni di lavoro delle persone in smart working, garantisce il rispetto di condizioni lavorative che preservino da forzature e pressioni indebite.

L’irruzione di questo nuovo modello organizzativo rappresenta una reale opportunità di capovolgere i modelli attuali. Occorre però che le parti siano costantemente impegnate a monitorarne l’evoluzione con un costante ascolto delle persone.

Il passaggio dall’autonomia all’isolamento può essere più facile di quanto si pensi.

Questa nuova organizzazione del lavoro per essere davvero in grado di migliorare la conciliazione fra tempi di vita e tempi di lavoro e deve avere sempre al centro la persona, le sue esigenze, i suoi bisogni. La sperimentazione concordata in Vodafone dovrà accompagnare questo cambiamento, monitorandone le evoluzioni e verificando la possibilità, progressivamente, di aumentare l’efficacia e l’efficienza organizzativa abilitando, a tendere, la sperimentazione di nuove forme di redistribuzione dei recuperi di produttività e dei risparmi attraverso una possibile, futura, riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario e, naturalmente, la prossima definizione di un premio di produzione aziendale. Ora la parola passa alle lavoratrici ed ai lavoratori di Vodafone.

Nei prossimi giorni verranno organizzate assemblee consultive al termine delle quali le scriventi OO.SS. scioglieranno la riserva sull’Accordo siglato.

Roma, 30 ottobre 2020

p. Le Segretarie Nazionali
SLC-CGIL FISTEL-CISL UILCOM-UIL

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Sciopero Tim: il nostro grazie a lavoratori, RSU e territori

  24 Febbraio 2022   tim tlc telecom
Le Lavoratrici ed i Lavoratori del Gruppo TIM hanno convintamente aderito allo Sciopero dimostrandolo nei fatti con punte di assenza dal lavoro fino al 70%. I presidi regionali presso le Istituzioni locali e le Prefetture hanno avuto una grande presenza e significa...

Sciopero TIM, SLC CGIL in piazza

  23 Febbraio 2022   tim tlc telecom
TIM: LANDINI, NO ALLO SCORPORO. DAL GOVERNO SERVE UNA STRATEGIA "La grande mobilitazione di oggi delle lavoratrici e dei lavoratori di Tim non può rimanere senza risposta. Un processo di ristrutturazione che separi la rete dai servizi non sarebbe solo inusuale, ma...

Sciopero TIM, manifestazione a Roma presso il ministero dello Sviluppo Economico

  22 Febbraio 2022   tim tlc telecom
SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL: DOMANI LE LAVORATRICI ED I LAVORATORI DEL GRUPPO TIM SCIOPERERANNO PER IL FUTURO DI TIM E DELLE AZIENDE CONTROLLATE A ROMA APPUNTAMENTO IN VIA MOLISE, DALLE 9 ALLE 13 clicca sull'immagine per guardare la video-intervista a Riccard...

Tim, richiesta di incontro alle Istituzioni

  21 Febbraio 2022   tim tlc telecom
 Roma, 21 febbraio 2022 Al Presidente del Senato della Repubblica Senatrice Elisabetta Casellati Al Presidente della Camera dei Deputati Onorevole Roberto Fico Ai Presidenti dei Gruppi Parlamentari Della Camera dei Deputati e del Senato Oggetto: richiest...

Call center INPS, No dei lavoratori al partenariato pubblico-privato

  16 Febbraio 2022   comdata call center tlc
Com'era facile prevedere, la proposta di Partenariato Pubblico Privato avanzata dalle aziende Comdata e Network ad INPS Servizi sta generando solo smarrimento e rabbia fra le lavoratrici e i lavoratori. Da questa situazione se ne esce solo in un modo: l'Istituto co...

Contact Center INPS, un partenariato pubblico - privato?

  15 Febbraio 2022   comdata call center tlc
  Nella giornata di ieri le scriventi Segreterie Nazionali sono state messe a conoscenza, da parte della RTI Comdata/Network, di una loro proposta di partenariato pubblico e privato (P.P.P.) formulata nei giorni scorsi a INPS e a INPS Servizi per la gestione d...