5 tlc elab180x180TLC E EMITTENZA

OLIVETTI (gruppo TIM) incontro con AD del 21 gennaio 2021

Si è svolto in data 21 Gennaio u.s. l’incontro con l’Amministratore Delegato di Olivetti Spa, dott. Roberto Tundo, e le Organizzazioni Sindacali Confederali UILCOM Uil, SLC Cgil, FISTel Cisl, rappresentate dalle Segreterie Nazionali, Territoriali e dalla RSU.

Il nuovo amministratore delegato, arrivato nel gruppo TIM ad Agosto 2020, ha delineato quelle che saranno le linee guida che ispireranno la strategia industriale dell’azienda nel prossimo futuro e che a breve verranno presentate ai vertici per l’approvazione del piano industriale 2021-2023 prevedendo il cosiddetto “kick off” delle nuove attività chiave già da fine gennaio, parallelamente alla trasformazione dell’attuale business che prevede un arco temporale di tre anni.

L’illustrazione dell’AD è partita dal contesto di mercato, caratterizzato da una forte competitività, dove i servizi IOT stanno crescendo velocemente, spinti da un’accelerazione nello sviluppo tecnologico e dalla crescita repentina del fabbisogno da parte delle pubbliche amministrazioni e aziende PMI (Piccole e medie Imprese).

Olivetti prospetta forti marginalità anche in termini di ricavi, con un tasso di crescita annuo, nel prossimo quinquennio, pari a circa il 7 - 9%.

In questo quadro, Olivetti dichiara alle OO.SS. l’ambizione di diventare il player di “IOT SMART SERVICES” leader in Italia nel fornire servizi in modalità End to End, sfruttando il vantaggio competitivo derivante dalla naturale sinergia con TIM. La connettività infatti risulta fattore fondamentale ed abilitante e potrebbe essere in grado di fare la differenza rispetto ad altri player del settore.

L’intenzione dichiarata è quindi quella di divenire una IOT Smart Services FARM, in grado di sviluppare soluzioni proprietarie, modulabili e scalabili, integrandole anche con ulteriori soluzioni di terze parti.

Saranno 3 i principali soggetti verso cui indirizzare il business:

- Merchant, cui proporsi come partner end to end fornitore di servizi;

- Servizi Urbani, relativamente allo sviluppo delle smart cities, a cui proporre servizi IOT end to end;

- Servizi Industriali, offerta di servizi IOT a copertura di intere filiere industriali.

Per far questo sarà necessario prevedere una riorganizzazione interna, anche in termini di riconversioni e riqualificazioni professionali delle 300 lavoratrici/lavoratori che oggi sono impegnate/i in azienda, rispetto ad un business che deve evolversi e dovrà essere accompagnato da un significativo piano formativo interno. Il tutto con l’idea di ricorrere anche al mercato esterno per reperire figure professionali mirate per realizzare specifici innesti.

Tutto questo dovrà esser realizzato tenendo in debita considerazione le persone che a questo piano prenderanno parte, le loro esigenze ed attitudini, il loro background professionale.

SLC CGIL - FISTEL CISL - UILCOM UIL preso atto della significativa illustrazione, sono consapevoli che gli obiettivi dichiarati siano particolarmente impegnativi e sfidanti.

Certamente dopo vari e ripetuti cambi dei vertici aziendali riteniamo che sia giunto il momento di un reale e deciso cambio di passo, questa volta non si può mancare l’occasione non colta dalle precedenti gestioni.

Ci auguriamo quindi che possa questa essere l’opportunità per un concreto rilancio dell’azienda, il cui brand ha, nonostante tutto, ancora un notevole appeal a livello internazionale.

Tutto ciò passa dal porre la massima attenzione agli attuali livelli occupazionali, dal mantenimento del perimetro industriale contestualmente con le eventuali manutenzioni da realizzare per centrare gli obiettivi prefissati.

Per quanto ci riguarda, in questa fase, NOI saremo attenti osservatori e monitoreremo con grande attenzione l’evolversi delle situazioni.

Roma, 28 gennaio 2021

Le Segreterie Nazionali
SLC CGIL – FISTEL CISL – UILCOM UIL

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Rai Way, un grave errore avallare la vendita

  8 Marzo 2022   rai emittenza raiway broadcasting
La scelta del Governo di consentire alla RAI di vendere la proprietà di RAI Way, la società controllata proprietaria dell'infrastruttura trasmissiva del segnale, è sbagliata nel metodo e nel merito. Nel metodo, perché avviene "a freddo" attraverso la firma di un De...

Tim, ecco perché lotteremo contro il nuovo piano industriale

  7 Marzo 2022   tim tlc telecom
Con la presentazione del Piano di impresa 2022/2024 i vertici del Gruppo TIM hanno definitivamente scelto di imboccare la strada della “DEMOLIZIONE” del Gruppo SIP-TELECOM oggi TIM, erede dell’ex monopolista. Il piano prevede la nascita di una società di rete ed un...

Comdata/Network, richiesta d'incontro urgente a INPS

  7 Marzo 2022   comdata call center tlc
  Nella giornata di ieri la RTI Comdata/Network ha comunicato alle scriventi Segreterie Nazionali la decisione di INPS, legata a motivi di budget, di applicare da alcuni giorni il cap delle chiamate in entrata (limitatore di chiamate), previsto dal contratto c...

Tim, tanto tuonò che piovve

  4 Marzo 2022   tim tlc telecom
Con la presentazione del Piano Industriale di TIM di ieri sera finalmente il quadro è svelato. Con la nascita della società dei servizi e con la società della rete finisce definitivamente la storia dell’ex monopolista per come l’abbiamo conosciuta. Nel disegno trac...

Open Fiber, incontro con l'a.d. del primo marzo

  3 Marzo 2022   tlc
Il 1 Marzo si è svolto un incontro delle scriventi Segreterie Nazionali con il nuovo AD di Open Fiber. Il dottor Rossetti si è presentato alle OO.SS., ha illustrato brevemente la nascita di Open Fiber e le linee di indirizzo del piano industriale approvato a d...

Vodafone Italia, ecco cos'è emerso nell'incontro del 28 febbraio

  1 Marzo 2022   tlc vodafone
In data 28 febbraio si è svolto un incontro tra Vofadone Italia, le Segreterie nazionali e territoriali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni, il coordinamento RSU con all’ordine del giorno: chiusure collettive, aggiornamento progetto reskilling...