5 tlc elab180x180TLC E EMITTENZA

Nei giorni 2-3-4 Novembre 2021, con modalità mista in presenza e da remoto, si sono incontrate la Direzione del Personale RAI e le Segreterie Nazionali SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL, FNC-UGL, SNATER, LIBERSIND-CONFSAL. In questa sede è stato sottoscritto un accordo fra le parti, volto a disciplinare un certo numero di passaggi di categoria previsti dal CCL 2018dagli Accordi del 21-22/01/2019 e del 16/12/2019.

code contrattuali tw

Di seguito l’articolazione e il dettaglio dell’accordo:

• SPECIALIZZATI DELLA PRODUZIONE SEDI REGIONALI
Si è sottoscritto il passaggio di 17 lavoratori/trici delle Sedi Regionali che svolgono mansioni di ripresa in esterno o in interno (zainetto e mansioni aggiuntive di ripresa in studio) che, a decorrere dal 01/01/2022, potranno passare a tecnici della Produzione, previo specifico percorso formativo e accertamento di idoneità alla mansione. La ripartizione territoriale di tali figure è la seguente: 2 unità Bari; 1 Cosenza; 2 Firenze; 4 Genova; 2 Palermo; 2 Potenza; 2 Trento; 2 Venezia.

• OPERAI SPECIALISTI
Si è sottoscritto il passaggio di 46 Operai specialisti al livello 4 a far data dal 01/12/2021, delle Direzioni Produzione TV e Radio. Il numero inizialmente limitato a 30 nella proposta aziendale è stato portato a 46 a seguito delle forti pressioni sindacali, che hanno spinto l’Azienda ad accettare questo allargamento dei numeri.

• PROGRAMMISTI e IMPIEGATI
Si è sottoscritto il passaggio dal livello 2 al livello 1 di 20 lavoratori/trici con profilo di Programmista e di 20 lavoratori/trici con profilo di Impiegato con decorrenza 01/12/2021.
In tale circostanza l’Azienda ha applicato questo criterio di scelta: Direzioni ove siano impiegati al livello 2 almeno 7 risorse con profilo programmista/impiegato, estraendo da queste tutte le risorse con almeno 10 anni di anzianità aziendale. Le OO.SS. pur prendendo atto della scelta aziendale, hanno espresso forti perplessità su questa metodologia, sottolineandone sia gli elementi di totale discrezionalità, sia la sostanziale sperequazione territoriale che ne derivava. A questo proposito, le OO.SS. daranno piena assistenza sindacale individuale a tutte le lavoratrici/lavoratori che, pur rientrando in questi parametri, non sono stati inclusi dall’Azienda in questi passaggi.

• PROGRAMMISTA MULTIMEDIALE
In vista del passaggio alla figura unica del Programmista multimediale, prevista dal CCL 2018 per l’ 01/01/2022, le parti hanno deciso d’incontrarsi a brevissimo per una verifica preventiva.

Con gli accordi sottoscritti ieri, si chiude finalmente la stagione delle code contrattuali ancora aperte del CCL 2018. In considerazione di tutte le difficoltà che si sono dovute affrontare dallo scoppio della pandemia a oggi, le OO.SS. esprimono soddisfazione per quanto sottoscritto, ma rimarcano anche tutte le criticità che ancora impediscono di affrontare in modo organico i problemi che affliggono l’Azienda. Rimangono infatti ancora aperte le questioni del rinnovo del CCL, della scadenza a breve dell’accordo sul PDR, ma emerge soprattutto la necessità di affrontare la drammatica situazione che riguarda gli organici e l’organizzazione del lavoro dei Centri di Produzione, senza contare la situazione ancora più complicata delle Sedi Regionali e la carenza degli investimenti tecnologici che attanaglia l’intera azienda.

La continua richiesta fatta in questi anni dalle OO.SS. di un Piano Industriale ed Editoriale sembra aver avuto in questi giorni una risposta dall’AD, anche se, per ora, siamo ai soli titoli del precedente Piano Industriale del vecchio AD Salini. Le OO.SS. sono certe che il Dott. Fuortes abbia già messo in conto di non potersi limitare a qualche annuncio o a qualche intervista alla stampa, ma abbia già preparato un fitto calendario di incontri, con le OO.SS., per dettagliarne meglio i contenuti. Nel caso invece avesse pensato di saltare questo passaggio, o lo abbia considerato superfluo, sarà cura delle OO.SS. ricordare che, senza un confronto con le lavoratrici e i lavoratori RAI, ogni riforma, anche quella che sulla carta sembra la più efficace, rischia di rimanere inattuata, o al più, l’ennesima occasione mancata di un’Azienda che non può più permettersi battute d’arresto.

Roma, 5 Novembre 2021

Le Segreterie Nazionali
SLC-CGIL FISTEL-CISL UILCOM-UIL FNC-UGL SNATER LIBERSIND-CONFSAL

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Huawei Technologies Italia, sottoscritto il primo accordo nazionale

  24 Giugno 2022   tlc
Dopo un lungo e proficuo percorso relazionale, costruito nel tempo, è stato sottoscritto un importante accordo a livello nazionale tra l’azienda Huawei e le Segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil. L’intesa parte dal riconoscere il valore della co...

Tim, difendiamo occupazione e futuro del Paese

  23 Giugno 2022   tim tlc telecom
Il 21 giugno le lavoratrici ed i lavoratori del gruppo Tim hanno scioperato per difendere i livelli occupazionali ma anche il futuro del Paese, parte del quale legato ad una infrastruttura vitale e strategica come la rete. Sono questi i motivi per i quali il sindac...

Tim, la piazza del 21 giugno

  21 Giugno 2022   tim tlc telecom
SCIOPERO NAZIONALE DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI DEL GRUPPO TIM Manifestazione del 21 giugno 2022 in piazza Bocca della Verità, Roma   L’intervento conclusivo di Riccardo Saccone, Segretario Nazionale SLC CGIL “La domanda che abbiamo posto alle rappre...

Call center ITA, accordo raggiunto. Sindacati, "Sanata una ferita"

  17 Giugno 2022   call center tlc almaviva
VERTENZA CUSTOMER CARE ITA. SIGLATO ACCORDO CHE SALVAGUARDA INTERO PERIMETRO OCCUPAZIONALE Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil: “Sanata una ferita, soddisfazione per l’intesa traguardata” In data odierna, dopo una lunga trattativa presso il Ministero del Lavoro, alla...

Call center ITA, più vicino l'accordo per salvare tutti i posti di lavoro

  10 Giugno 2022   call center tlc almaviva
Si è svolto in data odierna l’incontro convocato dal ministero del Lavoro per discutere della vertenza relativa agli addetti al servizio customer ITA riguardante i 543 lavoratori interessati all’accordo ministeriale sottoscritto lo scorso ottobre 2021, ad oggi divent...

Clausola sociale GSE, a pagare non possono essere sempre le lavoratrici

  7 Giugno 2022   comdata call center tlc almaviva
Nella giornata odierna si è svolto un nuovo incontro tra le Segreterie Nazionali e Territoriali Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, la Segreteria Territoriale Fiom Rieti Roma Est, unitamente alle RSU, l’azienda uscente Almaviva Contact S.p.A. e l’azienda subentrante C...