5 tlc elab180x180TLC E EMITTENZA

 Roma, 21 febbraio 2022

Al Presidente del Senato della Repubblica
Senatrice Elisabetta Casellati

Al Presidente della Camera dei Deputati
Onorevole Roberto Fico

Ai Presidenti dei Gruppi Parlamentari
Della Camera dei Deputati e del Senato

Oggetto: richiesta di incontro sulle vicende legate al Gruppo TIM ed alla infrastruttura di rete nazionale

Illustri Presidenti,

mercoledì 23 febbraio le lavoratrici ed i lavoratori del Gruppo TIM sciopereranno per l’intero turno di lavoro. Scioperano nell’estremo tentativo di evitare che si consumi uno scempio. Uno scempio industriale, tecnologico, professionale, ovvero la definitiva distruzione dell’ex monopolista delle TLC italiane. Scioperano per evitare un disastro che metterà a soqquadro una grande realtà industriale del Paese ed un indotto complessivo di decine di migliaia di lavoratrici e lavoratori che, negli altri Paesi europei, sono considerati professionalità indispensabili in una fase di grandi cambiamenti tecnologici legati alla digitalizzazione. Un disastro che, se non evitato, metterà a rischio circa 40.000 posti di lavoro complessivi.

Dal lontano 1997, anno della privatizzazione, l’Italia ha scientificamente perseguito, non sappiamo quanto consapevolmente, l’obiettivo incomprensibile di distruggere l’erede della SIP, l’ex monopolista delle TLC che, in circa 100 anni di storia, ha avuto il merito di connettere il Paese e di diventare il quinto operatore mondiale di Telecomunicazioni, vantando fino ad un massimo di 18 partecipazioni internazionali in altrettanti operatori di settore esteri.

Questa follia, perché di questo si tratta, nulla centra con i processi di liberalizzazione dei mercati di telecomunicazioni. Basti guardare a cosa è accaduto, nello stesso lasso di tempo, in tutti i Paesi tecnologicamente sviluppati per accorgersi di come l’Italia abbia inteso interpretare il concetto di liberalizzazione, che noi non contestiamo in alcun modo, con la sistematica distruzione dell’azienda di riferimento di un mercato tanto complesso quanto complicato. Abbiamo assistito ad un processo che, negli anni, ha trasformato il Paese in un mero mercato nel quale lo Stato ha perso completamente il diritto/dovere di avere una partecipazione significativa che sapesse imprimere allo sviluppo di un comparto ogni giorno più strategico il punto di vista dell’interesse collettivo.

Dalle reti di telecomunicazioni ormai passa quello che, anche in virtù della tragedia sociale della pandemia, si è imposto come un vero e proprio diritto di cittadinanza: quello alla connettività. In questi due anni terribili abbiamo imparato quanto i processi di digitalizzazione stiano trasformando tutte le dimensioni della nostra vita. Il diritto al lavoro, all’istruzione, nuove forme di socializzazione e di coesione sociali passano inevitabilmente attraverso le Reti di Nuova Generazione, quella “fibra” che di fatto rappresenta la nuova “elettrificazione” del Paese.

Chi vi scrive ha potuto toccare con mano, allo scoppio della pandemia, la frustrazione di dover, per svariati mesi del 2020, ricorrere a forme di ammortizzatore sociale per dover sostenere migliaia di lavoratrici e lavoratori impossibilitati da motivi infrastrutturali (assenza di connettività veloce) a poter accedere a qualsivoglia forma di remotizzazione delle proprie attività lavorative. Uno scandalo!

Ancora oggi il Paese è percorso da quel “muro invisibile” che chiamiamo digital divide che espone circa il 40 per cento della popolazione ad una “segregazione” intollerabile: il mancato accesso alle reti veloci. Mentre l’Europa corre a grandi passi verso l’obiettivo della “gigabit society” milioni di italiane ed italiani arrancano, rinunciano, sono progressivamente tagliati fuori da un processo tecnologico che sta sconvolgendo l’intero pianeta.

In questo complicatissimo conteso l’Italia, nell’assordante silenzio complice di tanti, sta per assistere alla fine dell’unica azienda “Paese” di questo settore, l’erede dell’ex monopolista che ha connesso l’Italia per decenni garantendo l’universalità di un diritto, quello alla comunicazione ed oggi alla connessione, che non può e non deve essere legato solo e soltanto a logiche di mercato. Non è in discussione la libertà di competere fra soggetti plurimi. Ciò che è inammissibile è che si lasci solo alla convenienza economica, una mera operazione finanziaria, il futuro del gruppo TIM e con esso la sua “preziosa” infrastruttura che è unica, inclusiva, universale, strategica, non certo un “privilegio”!

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza rappresenta davvero l’ultima occasione per riparare ai ritardi accumulati in questi anni. Ma per far sì che non sia l’ennesima occasione persa occorre ripensare il modello e guardare con franchezza a ciò che non ha funzionato e a ciò che potrebbe funzionare meglio. Dal 2015 il Paese ha investito miliardi per la digitalizzazione ma allo scoppio della pandemia circa 12 milioni di italiani avevano accesso a malapena a connessioni ADSL, inutili per utilizzare la rete per lavorare, studiare, esercitare i diritti di cittadinanza accedendo telematicamente alla Pubblica Amministrazione. Si può continuare con questo modello di sviluppo? Evidentemente no!

Abbiamo, avete una responsabilità storica. Il prossimo 2 marzo il CdA di TIM varerà con ogni probabilità la scissione societaria (“Spezzatino”) con la conseguente alienazione della rete. Una scelta che in Europa è stata perseguita da soli due Paesi (la Danimarca e la Grecia costretta a vendere asset pregiati durante il drammatico periodo della crisi economica). Tutto questo non può esser derubricato a semplice questione che riguarda il mercato.

L’Italia non può privarsi di un “campione nazionale” in un settore così strategico. La sfida tecnologica fra colossi delle TLC asiatici ed Americani si può giocare solo a livello europeo. Se l’Italia vuole partecipare a questo consolidamento continentale, francamente non si capisce come potremmo restarne fuori e continuare a voler giocare un ruolo da protagonisti in Europa, non può non avere un’azienda integrata e solida che sia protagonista dello sviluppo del mercato interno ed estero.

Si guardi a quanto accaduto in grandi Paesi come la Francia e Germania dove gli ex monopolisti sono rimasti aziende integrate, a forte presenza pubblica benché aperte al mercato ed operanti in contesti ampiamente liberalizzati.   Dal 2015 i vari Piani nazionali per la digitalizzazione hanno tracciato orizzonti che puntualmente non si sono avverati, basta leggere i vari rapporti “DESI” redatti dalla Comunità europea per verificare annualmente i progressi dei Paesi membri in tema di digitalizzazione dove l’Italia è tristemente in posizioni arretrate.

Evidentemente è il modello scelto dal Paese che non sta funzionando.

Per tutte queste ragioni ci rivolgiamo a Voi quali massimi rappresentanti delle Istituzioni parlamentari e quindi legittimi rappresentanti della rappresentanza di tutto il Paese e Vi chiediamo di poterVi portare la voce delle decine di migliaia di lavoratrici e dei lavoratori del settore (tra diretti ed indiretti oltre 80.000) nella convinzione di poter ancora correggere gli errori fin qui fatti, a difesa dell’occupazione e per il reale sviluppo tecnologico e sociale dell’Italia.

In attesa di un Vostro rapido riscontro, Vi inviamo distinti saluti.

Le Segreterie Nazionali
SLC CGIL FISTEL CISL UILCOM UIL

tim 23 febbraio tw
Roma, 21 febbraio 2022

Al Presidente della Conferenza delle Regioni e Delle Province autonome
On. Massimiliano Fedriga Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Al Presidente dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani
On. Antonio Decaro  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Al Presidente della Unione Comuni ed Enti Montani
Dott. Marco Bussone Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Oggetto: richiesta di incontro su vertenza Tim ed infrastruttura di rete Nazionale

 Illustri Presidenti,

Scriviamo a Voi in qualità di rappresentanti delle associazioni degli Enti locali italiani perché riteniamo che le vicende che stanno riguardando il Gruppo TIM e più in generale il settore delle TLC abbiano delle immediate ed importanti ricadute sulle comunità che le Vostre associazioni rappresentano.

La crisi pandemica che ancora stiamo vivendo ha mostrato in tutta la sua drammaticità come quello della connettività sia diventato ormai un vero e proprio diritto di cittadinanza.

Il confinamento imposto dalla crisi sanitaria ha determinato una drastica accelerazione della digitalizzazione di molteplici attività quotidiane, portando il Paese in quella modernità che fino a due anni fa stentava a pervaderlo nella sua totalità. Purtroppo questa accelerazione ha resi evidenti i ritardi che l’Italia si trascina da decenni, nonostante i molteplici “Piani nazionali” che negli anni non sono riusciti a colmare quel digital divide che oggi ha evidenziato nuove diseguaglianze, soprattutto nelle aree periferiche del Paese.

Ancora oggi circa il quaranta percento dei cittadini italiani è di fatto tagliato fuori dalle potenzialità garantite dalla Connessione Ultraveloce.

In ogni regione del Paese esistono ampie zone di territorio nelle quali i cittadini non accedono ad infrastrutture di TLC moderne e competitive. Le aree interne, i piccoli borghi montani ancora oggi attendono lo sviluppo di una rete veloce ed inclusiva. Questi due anni eccezionali hanno mostrato come un nuovo modello di sviluppo sia possibile solo se tutti potranno usufruire della connettività di nuova generazione. Tutta l’Europa si appresta a compiere il balzo verso la “gigabit society”.

I ritardi che si accumuleranno in questi mesi rischiano di diventare ormai incolmabili. Abbiamo una occasione storica per ripensare i nostri modelli sociali e demografici. Possiamo riappropriarci di intere aree ormai spopolate, ripensare le nostre aree metropolitane, mettere davvero in grado di competere globalmente la miriade di preziosi distretti economici che non sempre hanno le condizioni presenti nelle grandi aree urbane dove paradossalmente oggi abbiamo una ipertrofia delle reti veloci.

Ma per fare tutto questo occorre ripensare il modello industriale delle telecomunicazioni del Paese. La scelta scellerata operata in Italia di distruggere di fatto il campione nazionale del settore, l’ex monopolista TIM, sta dando da anni i propri frutti avvelenati. Non si tratta di nostalgie monopolistiche fuori tempo massimo. Basta guardare al resto d’Europa dove la liberalizzazione del settore non ha impedito a grandi Paesi come Francia e Germania di non depauperare le preziose risorse dei rispettivi ex monopolisti, rimaste aziende integrate a forte presenza pubblica, operanti in mercati liberi eppure capaci di indirizzare lo sviluppo infrastrutturale di quei Paesi in una logica inclusiva e nazionale.

Il prossimo 2 marzo il CdA di TIM potrebbe approvare la definitiva separazione della rete e lo smembramento del suo Gruppo. Un salto nel buio. Un’operazione più vicina agli interessi della grande finanza che all’interesse nazionale ed al futuro delle decine di migliaia di lavoratori occupati nel settore delle Telecomunicazioni e dei milioni di cittadine e cittadini che Voi rappresentate.

Tutto questo sta avvenendo nel più completo silenzio e disinteresse del Governo e delle principali Istituzioni del Paese. Quello della comunicazione, della connessione è un diritto universale che non può essere delegato solo ad un mercato che, per definizione, lega gli investimenti all’immediato ritorno dei profitti. Così non si costruisce una infrastruttura inclusiva, e ciò che è successo nelle regioni, nei comuni e nelle comunità che Voi rappresentate lo dimostra drammaticamente.

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza rappresenta davvero l’ultima occasione per riparare ai ritardi accumulati in questi anni. Ma per far sì che non sia l’ennesima occasione persa occorre ripensare il modello e guardare con franchezza a ciò che non ha funzionato e a ciò che potrebbe funzionare meglio. Dal 2015 il Paese ha investito miliardi per la digitalizzazione ma allo scoppio della pandemia circa 12 milioni di italiani avevano accesso a malapena a connessioni ADSL, inutili per utilizzare la rete per lavorare, studiare, esercitare i diritti di cittadinanza accedendo telematicamente alla Pubblica Amministrazione. Si può continuare con questo modello di sviluppo? Evidentemente no!

Per queste ragioni siamo a richiederVi un incontro per illustrarVi le buone ragioni delle lavoratrici e dei lavoratori del Gruppo TIM che il prossimo 23 febbraio sciopereranno a difesa del loro lavoro e, più in generale per lo sviluppo tecnologico a favore di TUTTI, quindi anche delle comunità che Voi avete l’onore e la responsabilità di amministrare.

In attesa di un Vostro rapido riscontro, Vi inviamo distinti saluti.

Le Segreterie Nazionali
SLC CGIL FISTEL CISL UILCOM UIL

tim draghi tw

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Rete unica: Solari, tavolo di lavoro non sia un diversivo

  29 Novembre 2022   tim tlc telecom
RETE UNICA: SOLARI (SLC CGIL), TAVOLO DI LAVORO NON SIA UN DIVERSIVO Smart city, internet delle cose (IoT), cloud, digitalizzazione della pubblica amministrazione, monitoraggio ambientale, gestione ottimale delle reti energetiche, telemedicina, veicoli a guida auto...

Sky Italia, il lavoro ibrido diventa permanente

  28 Novembre 2022   sky tv emittenza
SKY ITALIA: ACCORDO DISTINTIVO E CORAGGIOSO SU LAVORO IBRIDO PERMANENTE Con la firma dell'accordo odierno Sky Italia conferma definitivamente l’adozione di un modello organizzativo ibrido basato su un’importante quota di lavoro settimanale e mensile conducibile in...

Tim, definito l'accordo sul lavoro agile sperimentale

  25 Novembre 2022   tim tlc telecom
TIM, ACCORDO LAVORO AGILE SPERIMENTALE FEBBRAIO 2023 FEBBRAIO 2024  In data 22 novembre 2022, le Segreterie Nazionali SLC-CGIL FISTEL-CISL UILCOM-UIL congiuntamente con il coordinamento delle RSU, si sono incontrate con la direzione aziendale di TIM SPA per de...

Open Fiber, superato lo stato di agitazione

  24 Novembre 2022   tlc
OPEN FIBER, IMPORTANTI APERTURE AZIENDALI SUPERATO LO STATO DI AGITAZIONE  A seguito all’apertura dello stato di agitazione in Open Fiber del 7 novembre, e alla successiva lettera del 16 novembre nella quale l’Azienda esprimeva la sua volontà di riprender...

Tim: Solari, sia chiamato al confronto anche il sindacato

  22 Novembre 2022   tim tlc telecom
TIM: SOLARI, SIA CHIAMATO AL CONFRONTO ANCHE IL SINDACATO Stamattina il ministro Giorgetti ha annunciato che «a ore» si sarebbe svolta una riunione coordinata dalla presidenza del Consiglio tra tutti i ministri interessati al dossier Tim. Nei giorni scorsi le org...

Sielte, sottoscritti 9 accordi per governare la digitalizzazione

  21 Novembre 2022   tlc
SIELTE, SOTTOSCRITTI NOVE ACCORDI PER GOVERNARE LA DIGITALIZZAZIONE In data 16 novembre, presso la sede dell’Unione Industriali di Roma, si è tenuto l’incontro tra le Segreterie nazionali e territoriali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, il coordinamento naziona...