Gantry 5

top 1

Gantry 5

top 2

tlc

Dopo la presentazione del piano alternativo del fondo Merlyn, lavoratrici e lavoratori in presidio al ministero delle Imprese e del Made in Italy.
Saccone, Segretario nazionale Slc Cgil: “Asset strategico regalato alla grande finanza”. Clicca qui per il servizio realizzato da Collettiva.it.

Fabrizio Solari, Segretario Generale Slc Cgil: "Al peggio non c'è fine"

Nel 1997, l’ultimo anno della gestione pubblica, l’allora TELECOM era tra le prime cinque aziende del settore nel mondo, fatturava circa 23 miliardi, i debiti stavano sotto gli 8 miliardi, gli investimenti ammontavano a circa 6,5 miliardi l’anno e i dipendenti erano oltre 120.000. Economicamente sana, adeguatamente capitalizzata e fortemente presente all’estero l’azienda era perfettamente in grado di affrontare la sfida della globalizzazione.
L’ attuale TIM, dopo la peggiore privatizzazione della storia nazionale, fattura circa 16 miliardi e ne ha circa 26 di debiti nonostante si siano più che dimezzati investimenti e l’occupazione si sia ridotta dei due terzi.
I numeri raccontano di un lento ma costante processo di scarnificazione che ha impoverito l’azienda, il lavoro e il Paese.
Eugenio Scalfari, già 10 anni fa scriveva: “…l’azienda ha avuto la sventura di diventare preda di un capitalismo straccione, più attento a spolpare il grasso che ad investire in prodotti e tecnologie”
Di fronte a questo scempio il sindacato, già nel 2018, aveva proposto un intervento di razionalizzazione con la previsione della fusione con Openfiber, la stabilizzazione del capitale attraverso un maggiore impegno di CDP e la conseguente creazione di un’azienda di “sistema” in grado di realizzare la rete unica di nuova generazione e di accompagnare la digitalizzazione del Paese.
Nell’agosto 2020, sotto gli auspici del Ministero dell’Economia, TIM e CDP, azionista di riferimento di Openfiber, avevano sottoscritto una lettera di intenti in questa direzione. Quella prospettiva poi svanisce con la caduta del governo Conte.
Da allora più nulla sino a che, a fronte di un debito divenuto insostenibile, si è arrivati alla resa incondizionata con la vendita della rete al fondo di investimento americano KKR. Questa scelta è il frutto avvelenato del non aver voluto intervenire per tempo, ci allontana dalle future scelte dell’Europa anche per quanto riguarda le telecomunicazioni e ci costringerà a fare i conti con una difficile sostenibilità dell’azienda che resta ad occuparsi dei servizi, come si evince anche dall’andamento del titolo in borsa.
Ma al peggio non c’è fine, il vaso di Pandora si è aperto, e allora ecco che avanza un ulteriore “Piano”. Viene dismessa la velleità di mantenere la rete, si propone di vendere anche la controllata TIM BRASIL e di decimare e svendere le attività retail, immaginando un futuro che si concentra sui circa 5000 superstiti di Interprise.
Tante cose si sarebbero potute fare per evitare un simile epilogo, a partire dal non permettere di scaricare sull’azienda stessa il costo della privatizzazione.
O ancora, a danno fatto, si poteva decidere di far pagare un prezzo agli azionisti attraverso un aumento di capitale, oppure ai creditori attivando una procedura ex legge Prodi. Temo invece che prevarrà la scelta di far pagare il prezzo di tanta disinvoltura in primis ai lavoratori che avevano negli anni passati garantito il successo dell’Azienda, poi ai giovani che non potranno contare su una occupazione stabile e di qualità, ed infine a tutto il Paese con un imperdonabile ritardo sulla strada della digitalizzazione.
La responsabilità politica di questa triste vicenda ha riguardato diversi Governi sostenuti dalle più svariate maggioranze parlamentari, ma evidentemente non ha insegnato nulla, visto che il pensiero riferito dall’attuale Governo non va oltre un irresponsabile rinvio alle scelte del mercato.

Fabrizio Solari
Segretario Generale Slc Cgil

Intervento integrale su Repubblica.it


COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO CGIL NAZIONALE, SLC CGIL
Tim: Cgil e Slc, domani presidio con lavoratori davanti al MIMIT

Roma, 21 marzo - Domani, venerdì 22 marzo, a partire dalle ore 10 le lavoratrici e i lavoratori di Tim saranno in presidio sotto il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, a Roma, per chiedere al Governo di convocare il tavolo di confronto. "Con la presentazione del piano alternativo del fondo Merlyn, che prevede un ulteriore spezzettamento dell'azienda, ormai è chiaro il rischio che la vicenda possa diventare una mera questione finanziaria, con evidenti risvolti negativi sul futuro delle lavoratrici e dei lavoratori", dichiarano il segretario confederale della Cgil Pino Gesmundo e il segretario nazionale della Slc Riccardo Saccone.
Per i dirigenti sindacali "è inaccettabile scaricare sul mercato gli esiti della scelta tutta politica di avallare la vendita della rete. Una scelta, torniamo a ribadirlo con forza, che non fa gli interessi del paese e mette a rischio migliaia di posti di lavoro. Domani - concludono - saremo come sempre al fianco dei lavoratori e delle lavoratrici che lottano per difendere il loro futuro e una realtà strategica del settore".


 Tim: Slc Cgil, “Presidio venerdì 22 per sollecitare tavolo negoziale col governo”. Intanto prosegue il confronto con l’azienda

(U.S. Slc Cgil) - Roma, 14 mar - Continua il confronto con Tim per eventuale prosieguo ammortizzatori sociali. “Per noi - fa sapere il Segretario nazionale di Slc, Riccardo Saccone - è imprescindibile l'impegno aziendale alla salvaguardia dei perimetri aziendali ed occupazionali per tutte le aziende del gruppo e l'esplicita rinuncia ad azioni unilaterali per la durata dell'accordo”.
“Occorre inoltre minimizzare al massimo l'impatto economico sulle persone e - prosegue il sindacalista - che sia equamente distribuito. Al contempo riteniamo impensabile che il confronto con l'azienda non sia affiancato da quello col Governo dove discutere delle prospettive dell'azienda e degli strumenti necessari ad affrontare una situazione che, anche alla luce della sfiducia dimostrata dai mercati azionari, rischia di diventare drammatica”. 
“Il Governo ha deciso per lo spezzatino di Tim, - rileva Saccone - ora deve assumersi la responsabilità di seguire l'evoluzione di questa scelta nell'interesse delle lavoratrici e dei lavoratori dell'azienda e del settore tutto”.
“Per questa ragione il prossimo 22 marzo dalle ore 10 la Slc Cgil sarà in presidio sotto la sede del Mimit a Roma - informa il Segretario Slc - per sollecitare il riaggiornamento del tavolo governativo. Ci fa piacere che la Presidente del Consiglio si sia accorta della complessità della vicenda Tim...ora pretendiamo coerenza. La gestione della scelta sciagurata di spaccare l'ex monopolista di Tlc sarà lunga e difficile. Senza il confronto con i rappresentanti dei lavoratori - afferma infine Saccone - si rischia di far pagare alle persone un conto non loro”. 

0
0
0
s2sdefault

TUTTE LE NOTIZIE

Open Fiber: accordo pianificazione ferie, fruizione residui, chiusure

  12 Aprile 2024   tlc
Nel pomeriggio di lunedì 8 aprile 2024 si sono incontrate le Segreterie Nazionali e Territoriali Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni, unitamente alle RSU, e l’azienda Open Fiber per proseguire la discussione iniziata il 4 del mese in corso, in me...

Tim, si riunisce l'organismo di consultazione sul premio di risultato

  11 Aprile 2024   tim tlc pdr
In data 9 Aprile 2024 le Segreterie nazionali Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil hanno incontrato la direzione di Tim e delle altre aziende del Gruppo per dare luogo alla verifica relativa ai dati di consuntivo sull’andamento degli indicatori e degli obiettivi dell’a...

Sky, positivo l'incontro azienda-sindacati, ma restano nodi da sciogliere

  8 Aprile 2024   sky tv emittenza
Il giorno 4 aprile 2024 si è tenuto l’incontro annuale fra le OO.SS. e l’A.D. di SKY Italia, Andrea Duilio, coadiuvato dalla Direzione del Personale. L’incontro è stato l’occasione per fare il punto sullo stato di avanzamento del “Piano di trasformazione” per il peri...

Appalti contact center Tim: scongiurata la cig, ripristinati i volumi

  5 Aprile 2024   Comunicati stampa call center tlc
Tim, appalti Customer Care: Slc, “Positivo risultato delle nostre battaglie, scongiurata Cig. Ripristinati i volumi di traffico” (U.S. Slc Cgil) - Roma, 5 apr - Non ci sarà cassa integrazione per le lavoratrici ed i lavoratori delle aziende Callmat, Gruppo Distrizi...

RaiWay: Saccone, “Approccio sbagliato. Sembra si voglia solo far cassa. Contro interessi collettivi”

  27 Marzo 2024   Comunicati stampa rai emittenza raiway
(U.S.Slc Cgil) - Roma, 27 mar - La vicenda della possibile fusione fra Rai Way ed EI Towers “non fa che aumentare il grado di confusione che si registra intorno all’azienda Rai”. A parlare è il Segretario nazionale di Slc Cgil, Riccardo Saccone, secondo cui “passare...

Tim: Saccone, “C’è qualche timido passo avanti ma non abbassiamo la guardia sull’occupazione”

  26 Marzo 2024   Comunicati stampa tim call center tlc
(U.S.SlcCgil) -Rom,26 mar- “Abbiamo registrato qualche timido passo avanti ma noi non possiamo abbassare la guardia. L'occupazione rimane la priorità”. Così Riccardo Saccone, segretario nazionale Slc, commenta l’incontro appena concluso presso il Ministero delle impr...