"Da mesi chiediamo al Sottosegretario Lotti una convocazione per discutere della tanto annunciata riforma dell’editoria evidenziando, insieme a numerose altre associazioni, anche datoriali, l’urgenza di trovare nell’immediato risposte concrete per le cooperative editoriali e non profit che domani rischiano di dover portare i libri in tribunale - cosi' dichiara Barbara Apuzzo segretariia nazionale Slc Cgil.

"Il 30 aprile le aziende  devono chiudere i propri bilanci 2014 e senza certezze riguardo all’ammontare delle risorse che il governo mette a disposizione attraverso il Dip.to per l’Editoria la loro chiusura sarà inevitabile, determinando la perdita di centinaia di posti di lavoro e la soppressione di ulteriori presidi di democrazia, a garanzia di quel pluralismo che una legge di riforma del settore dell’editoria deve garantire."

"Parliamo di un fabbisogno di circa 70 milioni di euro annui per  i contributi 2014 e 2015 - prosegue la sindacalista-  cifra non impossibile da reperire, considerato che su quali interventi siano possibili si è già aperta una riflessione all’interno della commissione del Dipartimento Editoria."

"A questo punto dunque va verificata la volontà politica di procedere in direzione del risanamento e del rilancio di un settore - conclude Apuzzo-  che, lo dicevamo prima, alimenta e dà voce alla democrazia del nostro paese, ben sapendo che tra il dire e il fare, questa volta non può esserci il mare."

0
0
0
s2smodern