8 produzione culturale elab180x180PRODUZIONE CULTURALE

Roma, 8 maggio 2020

PROT. N. 142/20

A tutte le strutture NIdiL CGIL ed SLC CGIL


Oggetto: Resoconto incontro Ministero dello Sport e delle Politiche giovanili del 6 maggio 2020

Care compagne, cari compagni,

come preannunciatovi, si è tenuto in data 6 maggio u.s. il primo incontro con il Ministero dello Sport alla presenza del Capo Ufficio Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri dott. Giuseppe Pierro. Per le OOSS hanno partecipato per CGIL (SLC e NIDIL), per CISL (FISASCAT e FELSA), per UIL (UILCOM e UILTEMP).

In apertura il dott. Pierro ha ringraziato le OOSS per aver contribuito in maniera decisiva alla realizzazione dell'indennità prevista per i collaboratori sportivi nel Decreto “Cura Italia” come operazione che ha consentito una prima “emersione” di un mondo del lavoro sino ad allora sconosciuto, per dimensioni e caratteristiche, anche ai livelli istituzionali.

Ha comunicato che sono pervenute sulla Piattaforma di Sport e Salute S.p.A circa 150 mila richieste di erogazione del contributo per i collaboratori sportivi a fronte di uno stanziamento di 50 milioni di euro e che quindi se ne sono potute soddisfare soltanto 83 mila.

Ha confermato che, come da noi sollecitato, si sta lavorando per un ulteriore stanziamento a copertura di tutte le domande pervenute e per allargare la platea estendendo il contributo agli atleti non professionisti al di sotto di una soglia minima di reddito e che l'indennità prevederà un importo superiore ai 600 euro e verrà erogata per i mesi di aprile e maggio.

A seguito di questo primo risultato le OOSS hanno sottolineato la necessità di guardare alla ripresa del lavoro e alla necessità di procedere con un Protocollo di settore per il contenimento del Covid 19 che metta in sicurezza lavoratori e cittadini , con riferimento al Protocollo del 14 marzo 2020, siglato da CGIL, CISL e UIL.

Le OO.SS, sono passate poi alla disamina della struttura del lavoro sportivo che proprio l’attuale crisi ha fatto emergere in tutta la sua fragilità, e alla necessità condivisa del superamento dell’attuale normativa basata sull’ormai obsoleta legge 91 del 23 marzo 1981 che divide il mondo sportivo fra professionisti e dilettanti riservando solo ai primi la titolarità dei diritti collegati al lavoro.

Le OO.SS nel commentare Il documento inviat o da Sport e Salute S.p.A alle Commissioni Finanze e Attività Produttive della Camera dei Deputati hanno evidenziato di come la proposta d'innalzamento dai 10.000 ai 15.000 euro della fascia di collaborazioni detassate, non vada nella direzione di una rifdirezione di una riforma del lavoro sportivo ma al contrario in quella del mantenimento dello status, ma al contrario in quella del mantenimento dello status quo, a nostro avviso, ormai insostenibile.

Le OO.SS hanno chiesto l'apertura di un tavolo di confronto con la regia del Ministero dello dello Sport che coinvolga anche diversi livelli istituzionali, non ultimo il Ministero del Lavoro, il mondo delle imprese, associazioni, ecc. attraverso il quale contribuire, in tempi brevi, al riordino del lavoro sportivo così come disposo dagli artt. 4 e 5 della legge delega n 86, con l'estensione di diritti e di diritti fondamentali ed universali (pensione, welfare, formazione, ecc.) e per valorizzare e regolamentare con maggiore efficacia il lavoro nello sport in tutte le sue forme, estendendo il perimetro del CCNL con maggiore efficacia il lavoro nello sport in tutte le sue forme, estendendo il perimetro del CCNL e della sua applicazione e definendo un “Accordo Quadro sulle collaborazioni e il lavoro e il lavoro autonomo”, che inserisca la prestazione a pieno titolo nel diritto del lavoro.

Nel concludere i lavori il dott. Giuseppe Pierro ha calendarizzato la prossima riunione per il 13 maggio p.v. alla presenza del Ministro Spadafora, per proseguire il confronto. 

Con l'impegno congiunto di tenervi aggiornati su ulteriori sviluppi inviamo cari saluti.

p. la Segretaria Nazionale NIdiL CGIL Cgil                                                                                                                         p. la Segreteria Nazionale SLC CGIL
                   Sabina Di Marco                                                                                                                                                                   Fabio Scurpa

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Settore Spettacolo: gli elementi irrinunciabili per una riforma strutturale

Roma, 22 settembre 2021 Spett.le MIC c.a On. Ministro Dario Franceschini Dott. Lorenzo Casini - Capo di Gabinetto Componenti Commissioni Cultura di Camera e Senato Riforma del settore spettacolo: richieste unitarie SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL SLC CGIL FISTE...

Il lavoro nello spettacolo alla mostra del cinema di Venezia

Nella giornata di ieri, giovedì 2 settembre 2021, nelle Giornate degli Autori della 78. edizione della Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia, è stato ospitato l’incontro Il Pnrr per la cultura: protagonista il lavoro. L’evento, organizzato da Slc Cgil e Anac (Asso...

La Slc Cgil alla 78. Mostra del Cinema di Venezia

Il PNRR per la cultura: protagonista il lavoro Lido di Venezia, - spazio Italian Pavilion, Hotel Excelsior 2 settembre 2021, ore 11.30 Presiedono: Sabina Di Marco (Segretaria nazionale Slc CGIL), Francesco Ranieri Martinotti (ANAC) Intervengono: Lorenzo Casini...

Cineaudiovisivo, sollecito per The Space Cinema

  6 Agosto 2021   Spettacolo cinema
Roma, 6 agosto 2021 Spett.le The Space Cinema c.a. Dott. Stefano Rossignoli Dott. Claudio Corrias Dott.ssa Cristina Lipford OGGETTO: incontro su riaperture Con la presente sollecitiamo l’incontro sulle riaperture sul quale, a fronte delle ripetute richieste d...

Applicazione norme di sicurezza e green Pass ai lavoratori dello spettacolo

A fronte di continue segnalazioni ricevute da parte di lavoratrici e lavoratori che denunciano la richiesta da parte di alcune aziende/organizzatori di spettacoli di fornire il certificato vaccinale (c.d. green pass) rendendolo obbligatorio per poter lavora...

Produzione culturale. No al Green Pass preassuntivo.

GREEN PASS PREASSUNTIVO Arrivano notizie dai lavoratori che qualche azienda avrebbe iniziato a richiedere l’esibizione del certificato vaccinale prima dell’assunzione. Non esiste alcuna norma che legittimi questa richiesta. Essendo una scelta unilaterale pos...