8 produzione culturale elab180x180PRODUZIONE CULTURALE

Commento messaggio Inps n.143 del 15/01/2021

L’Inps ha aperto una formale procedura per il riesame delle domande respinte relative all’erogazione dell’indennità onnicomprensiva di 1000 euro introdotta dal Decreto Agosto (art.9) i cui criteri sono stati modificati nella conversione nella legge n.126 del 13 ottobre 2020. Tali precisazioni sono importanti sia per la concessione della indennità onnicomprensiva prevista dal decreto Agosto, sia per le indennità successive, poiché il meccanismo dell’automatismo nella erogazione in alcuni casi è saltato.

Oltre ad indicare i casi in cui il meccanismo dell’automatismo non è in essere, questo messaggio Inps chiarisce l’iter da seguire per accedere al riesame delle domande. Il riesame delle domande d’indennità respinte è stata una richiesta di Slc – Cgil per includere, in tempi brevi, tutti i lavoratori dello spettacolo che, per il sommarsi di diversi e differenti errori, non hanno ancora avuto accesso a quanto loro dovuto e, tale messaggio è sicuramente un importante passo in avanti.

Restano però aperte alcune criticità a cui è necessario dare risposta per includere davvero tutti i lavoratori dello spettacolo nelle misure di sostegno legate all’emergenza sanitaria Covid.

1) È stata predisposta un’istruttoria automatizzata per l’assegnazione dell’indennità onnicomprensiva di Agosto che, di fatto, proroga i termini per l’erogazione dell’indennità e apre la possibilità di accedervi a quanti, finora, non ne hanno goduto, purché ne abbiano i requisiti. La platea dei beneficiari dell’indennità resta quella stabilita dalle leggi n. 34 del 19 maggio 2020 e dalla legge n. 77 del 17 luglio 2020 (30 giorni contributi e un reddito non superiore ai 50mila euro, 7 giorni contributivi e un reddito non superiore ai 35mila euro).

2) L’istruttoria automatizzata non è possibile nei casi in cui l’indennità non è stata accolta a seguito di un riesame da parte delle Strutture territoriali competenti. In questi casi, L’istituto si è impegnato a fornire, con un apposito messaggio, le istruzioni per gli operatori Inps territoriali, per l’erogazione delle indennità introdotte dal decreto-legge n. 104/2020 e dalle ulteriori proroghe previste dai successivi decreti.

3) La proroga automatizzata non è possibile nei casi in cui l’indennità è stata accolta a seguito di riesame da parte delle Strutture territoriali competenti.

4) È possibile chiedere il riesame delle domande respinte entro il 4 febbraio, ossia, entro 20 giorni, dalla data di pubblicazione del messaggio n.143 del 1/5/2021. Anche se tale termine è da considerarsi non perentorio, come precisa il messaggio Inps, è bene che i lavoratori si rivolgano alle sedi territoriali del Patronato Inca Cgil nei 20 giorni indicati. È possibile fare domanda di riesame anche inviando la relativa documentazione attraverso il link “Esiti” nella sezione del sito INPS in cui è stata presentata la domanda “Indennità 600/1000 euro”. È stata, infatti, attivata, un’apposita sezione che precisa i motivi di reiezione e consente di allegare i documenti richiesti per il riesame. O ancora, è possibile inviare la documentazione alla Struttura territoriale di competenza attraverso la casella di posta istituzionale dedicata, denominata Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., istituita per ogni Struttura territoriale dell’INPS. Nota bene: per le domande respinte con la dicitura “reiezione forti”, il lavoratore può ricorrere esclusivamente all’azione giudiziaria.

5) Sono esclusi dall’acceso alla indennità prevista dal decreto Agosto tutti i lavoratori che, alla data del19 maggio 2020, risultavano avere un rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, diverso dal contratto intermittente senza corresponsione dell’indennità di disponibilità. Viene, quindi, adottato un criterio differente da quello indicato nella circolare n. 125/2020. Tale decisione è maturata a seguito di successive precisazioni fornite dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali.

(...)

Marilisa Monaco Slc-Cgil Nazionale Dipartimento Produzione Culturale

Scarica qui il Pdf per vedere la tavola riepilogativa delle casistiche sopra descritte.

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Lavoro sportivo, mobilitazione il primo luglio a Roma

  22 Giugno 2021   sport
RIFORMA SPORT E LAVORO SPORTIVO, IL 1° LUGLIO LAVORATORI IN PRESIDIO IN PIAZZA MONTE CITORIO A ROMA PER SOLLECITARE LA RIPRESA DELL’ITER PARLAMENTARE I Sindacati chiedono di ristabilire il termine per l’entrata in vigore della riforma all’interno dei tempi dell’att...

Cineaudiovisivo. Lettera unitaria sulle doppie mansioni.

  14 Giugno 2021   doppiaggio cinema produzione culturale
Roma, 11 giugno 2021 Spett.li MIC- DG- CINEMA E AUDIOVISIVO ANICA APA APE FIDAC ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI DEL CINEAUDIOVISIVO (TUTTE) LAVORATORI TROUPE LL.SS. OGGETTO: Doppia mansione Dopo le lettere unitarie del 16 aprile 2018, del 1 luglio 2019, del 25 sette...

Comunicato sul rispetto del Ccnl dei Generici

  8 Giugno 2021   produzione culturale
COMUNICATO Confidiamo in un veloce rinnovo del CCNL Generici, appena riprende il prossimo avvio della stagione contrattuale. Intanto, riteniamo opportuno tornare sulla questione tutele applicate ai lavoratori generici, per i quali veniamo spesso a conosce...

Comunicato congiunto su contratti a termine e lavoro autonomo nel cineaudiovisivo.

  28 Maggio 2021   cinema produzione culturale
COMUNICATO CONGIUNTO INCONTRO IN ANICA PER APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO PER LA REGOLAMENTAZIONE DEL LAVORO A TEMPO DETERMINATO DEL LAVORO AUTONOMO NEL SETTORE DEL CINEMA E DELL’AUDIOVISIVO Il previsto incontro, tenutosi in data 28 maggio 2021 ha permesso...

DL Sostegni bis: un primo passo per i lavoratori dello spettacolo

COMUNICATO SLC-FISTEL-UILCOM PRIMO IMPORTANTE PASSO PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO MA C'E' ANCORA MOLTO DA FARE SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL ritengono positiva l'introduzione nel DL Sostegni Bis di alcune misure che anticipano il Disegno di Riforma d...

Cinema: un decreto intempestivo

  3 Maggio 2021   cinema produzione culturale
FINESTRE A 30 GIORNI PER IL CINEMA ITALIANO: UN DECRETO INTEMPESTIVO Il Ministro della Cultura Dario Franceschini interviene con un decreto che spiazza tutti gli operatori degli esercizi cinematografici, riguardante l’obbligo di uscita in sala, introducendo nu...