Gantry 5

top 1

Gantry 5

top 2

Produzione culturale

Alla c.a.
On. Dario Franceschini
Ministro della Cultura
e p.c.
Dott. Salvatore Nastasi
Segretario Generale MiC
Prof. Lorenzo Casini
Capo Gabinetto MiC
Dott. Nicola Borrelli
Direttore Generale DGCA
LORO SEDI

Oggetto: Anticipazione ai lavoratori del Fondo d’Integrazione Salariale (F.I.S.)

Onorevole Ministro,

siamo a portare alla Vostra conoscenza la difficoltà dei lavoratori dipendenti del settore Esercizio Cinematografico nel ricevere le indennità di loro spettanza da parte dell’I.N.P.S., problema già ampiamente conosciuto e discusso a livello nazionale e fra le associazioni datoriali e le organizzazioni sindacali dei lavoratori.

Questa difficoltà si sta aggravando, anche in considerazione del fatto che le sale cinematografiche sono chiuse dal Febbraio 2020, solo con un piccolo periodo di riapertura, riapertura peraltro sottodimensionata per via della carenza di prodotto filmico da proiettare.

La criticità potrebbe essere affrontata in maniera meno penalizzante per i lavoratori se il F.I.S. fosse anticipato a scadenza direttamente dal datore di lavoro, con successivo rimborso da parte dell’I.N.P.S., opportunità che, dato il procrastinarsi della sospensione degli spettacoli cinematografici, unito al forte ritardo accumulato dall’emanazione del lungamente atteso Decreto Legge c.d. “Sostegno”, non è possibile alle imprese di settore percorrere, messe a dura prova dalle carenti disponibilità economiche.

Dopo diversi incontri tra le scriventi parti, le imprese rappresentate di settore, che annoverano rilevanti numeriche di lavoratori alle proprie dipendenze, si sono rese disponibili a sostenere tale operazione, purché le risorse economiche siano anticipate ai datori di lavoro dal Ministero della Cultura attraverso l’istituzione di un apposito fondo al quale possano attingere con indicazione all’I.N.P.S. di procedere con rimborso diretto al MiC o, in difetto procedurale, alle aziende che procederanno con il versamento al MiC degli importi anticipati.

L’anticipo di risorse da parte dell’Istituzione consentirebbe altresì alle imprese di poter procedere con la ripresa del versamento delle quote relativa alla parte Welfare a favore delle risorse umane impiegate. Il prolungarsi dell’inattività ha colpito anche sulla continuità dei pagamenti delle coperture assicurative ai lavoratori, generando esponenziale criticità in un momento dove minare le garanzie sulla salute aumenta le difficoltà individuali.

Le lunghe tempistiche di erogazione degli ammortizzatori sociali oltre a mettere in ginocchio i lavoratori, che in numerosi casi sono ancora in attesa delle ultime mensilità dell’anno 2020, sta ponendo le imprese dinanzi all’abbandono di professionalità chiave per la gestione delle strutture cinematografiche. Personale in continua uscita alla ricerca non tanto di realtà migliori, bensì di situazioni lavorative che consentano una sopravvivenza dignitosa, come si attende in una società civile quale il nostro Paese.

In attesa di leggerVi distintamente salutiamo

ANEC – Il presidente                                                                                                                           SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Danza, assemblea nazionale Slc Cgil

  9 Novembre 2023   Spettacolo danza produzione culturale
La danza, come tutto il mondo dello spettacolo, attraversa un momento cruciale. Ecco perché il sindacato chiama a raccolta e convoca un'assemblea nazionale aperta alle persone che lavorano nel settore. Tra i principali punti di cui discuteremo: - Network Anticorpi...

Spettacolo: servono risorse, non tagli e tasse

(U.S. Slc-Cgil) Roma, 30 ott – «Sostenere lo spettacolo e la cultura significa garantire salari dignitosi e sicurezza sociale, non sottrarre risorse tassando gli spettacoli». Sabina Di Marco, segretaria nazionale Slc-Cgil, commenta così l’ipotesi ventilata dal minist...

Fondazioni lirico-sinfoniche in sciopero dal 21 ottobre

(U.S. Slc Cgil) Roma, 18 ott – Un contratto scaduto da vent’anni. Dipendenti con salari bassissimi, malgrado le elevate professionalità tecniche e artistiche. Lavoro precario. Norme inefficaci e incoerenti. Ecco perché il sindacato proclama lo sciopero di tutto il pe...

Fondazioni lirico-sinfoniche: lavoratori vicini allo sciopero

Il Coordinamento delle Fondazioni lirico-sinfoniche, riunitosi ieri per valutare l’esito dell’incontro svoltosi lo scorso 25 settembre presso il ministero della Cultura sul rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro, ha dato mandato alle Segreterie nazional...

Spettacolo: Landini, indennità di discontinuità insufficiente e restrittiva

Roma, 2 settembre - “La battaglia delle lavoratrici e dei lavoratori italiani dello spettacolo per una giusta indennità di discontinuità ha travalicato i confini nazionali, diventando una battaglia internazionale di tutti i dipendenti del settore. Una notizia positiv...

Spettacolo, da Uni Global Union sostegno ai lavoratori italiani

Per il Congresso Uni Global Union in USA la lotta per un’adeguata indennità di discontinuità ai lavoratori dello spettacolo in Italia “si inserisce a pieno titolo nella mobilitazione internazionale di tutti i lavoratori dello spettacolo” (U.S. Slc Cgil) Filadelfia, ...