8 produzione culturale elab180x180PRODUZIONE CULTURALE

tamponi gratis tw 

 

Roma, 30 settembre 2021

Spett.le
MINISTERO DELLA CULTURA Direzione Generale Cinema e audiovisivo
Dr. Nicola Borrelli Direttore Generale Piazza Santa Croce in Gerusalemme, 9/a - Roma
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Oggetto: interpello delle Associazioni ANICA APA e APE, congiuntamente a SLC, CGIL, FISTEL CISL e UILCOM UIL, per richiesta di prosecuzione dell’erogazione dei ristori per la sicurezza per il comparto cine audiovisivo.

Egregio Direttore,

come anticipato, le associazioni datoriali ANICA APA ed APE, unitamente alle OO.SS. SLC CGIL, FISTEL CISL e UILCOM UIL, si sono incontrate in data 28 settembre u.s., per affrontare il tema della applicazione del D.L. n. 127/2021 riguardo, in particolare, l’obbligo di esibizione del c.d. “Green Pass” sui luoghi di lavoro.

La peculiarità delle attività industriali del comparto cineaudiovisivo ed in particolare della produzione, infatti, ad avviso di tutte le parti sociali, necessita di particolare attenzione riguardo i temi della sicurezza, al fine di prevenire le ipotesi di rischio che possono essere maggiori rispetto ad altri comparti, parimenti industriali.

Ed infatti, già in data 7 luglio 2020, fu sottoscritto e poi “convalidato” dall’Inail, il protocollo sulla sicurezza che ha permesso la ripresa delle attività e che, alla resa dei conti, si è rivelato assolutamente efficace nella prevenzione della diffusione da Covid-19.

Nel luglio di quest’anno, le medesime parti sociali, alla luce delle innovazioni sanitarie nel frattempo emerse, hanno sottoscritto un nuovo protocollo, di cui auspicano una celere convalida, anche attraverso la Vostra cooperazione, sia da parte dell’Inail che del Ministero della Salute.

Il tema, al momento, riguarda anche il collaterale aspetto del costo dei tamponi per i lavoratori sprovvisti di Green Pass, i quali, ai sensi del sopra indicato decreto, dovrebbero farsi carico del relativo esborso. In realtà, l’esibizione del solo Green Pass, viste le condizioni soggettive ed operative dei set, non appare sufficiente a garantire il necessario livello di sicurezza sanitaria.

Ed infatti, le aziende sono concordi nel proseguire l’esecuzione dei tamponi con cadenza bi o tri-settimanale, anche per quei lavoratori che, spontaneamente, abbiano dichiarato di essere in possesso di Green Pass vaccinale.

Tale “doppia tutela” sarebbe funzionale anche a preservare i lavoratori (in numero non marginale) che rientrano nelle c.d. categorie fragili.

Riguardo tale ultimo aspetto, quindi, le parti sociali tutte ritengono che il riconoscimento del ristoro inerente i costi per la sicurezza di cui al Decreto Legge “Sostegni” n. 41 del 22/03/2021, poi convertito nella Legge n. 69/2021, debba continuare ad essere riconosciuto, al fine di sottoporre tutti i lavoratori ai tamponi previsti dai protocolli, pure essendo portatori di Green Pass vaccinale (o da contagio).

Le parti quindi invitano tutte le autorità governative, appunto a motivo del maggior rischio insito nello specifico comparto della filiera audiovisiva, a valutare anche l’opportunità di introdurre l’obbligo vaccinale, anche solo per questo settore.

Certi della comprensione della specificità della fattispecie e della adesione da parte Vostra a tale richiesta, porgiamo cordiali saluti.


ANICA – APA – APE
SLC CGIL – Fistel CISL – UILCOM UIL

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Fondazioni Lirico-Sinfoniche, riparte la trattativa per il rinnovo del CCNL

FONDAZIONI LIRICO-SINFONICHE: DOPO 20 ANNI DI VACANZA CONTRATTUALE RIPRENDE IL CONFRONTO SUL CCNL Come Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Fials Cisal esprimiamo un giudizio positivo sull’incontro avvenuto oggi, giovedì 26 gennaio, con la delegazione Anfols che ha s...

Sport, positivo il confronto con il ministro Abodi

  16 Gennaio 2023   sport produzione culturale
SPORT: CONFRONTO POSITIVO CON IL MINISTRO ABODI, SI APRE IL DIALOGO SULLA RIFORMA “Cogliamo con grande soddisfazione la disponibilità mostrata dal Ministro Abodi a condividere un percorso di confronto nel merito della Riforma dello sport, che vedrà la luce nel pros...

Spettacolo, stanziati cento milioni per indennità di discontinuità

  21 Dicembre 2022   Spettacolo produzione culturale
SPETTACOLO: CENTO MILIONI PER INDENNITÀ DI DISCONTINUITÀ PRIMO PASSO IMPORTANTE MA NON SUFFICIENTE È notizia di queste ore l’approvazione dello stanziamento di cento milioni di euro per finanziare l’indennità di discontinuità per le lavoratrici e i lavoratori dello...

Spettacolo, tutte le risorse da inserire nella manovra

  20 Dicembre 2022   Spettacolo fus produzione culturale
SPETTACOLO, ECCO TUTTE LE RISORSE DA INSERIRE IN MANOVRA SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL chiedono che con la legge di bilancio 2023 venga stanziato quanto previsto dal DDL SPETTACOLO, di cui si aspettano i decreti attuativi, per realizzare l'indennità di disconti...

Spettacolo, indennità di discontinuità a rischio in legge di bilancio

  17 Dicembre 2022   Spettacolo produzione culturale
LEGGE BILANCIO: GRAVE IL RISCHIO DI ASSENZA DI RISORSE PER L’INDENNITÀ DI DISCONTINUITÀ PREVISTA DAL DDL SPETTACOLO Esprimiamo profonda preoccupazione per il rischio di mancanza di risorse nella Legge di Bilancio 2023 destinate alla realizzazione dell’indennit...

Legge di Bilancio, cultura grande assente

LEGGE DI BILANCIO: DI MARCO (SLC CGIL), CULTURA GRANDE ASSENTE Nella bozza della Legge di bilancio la grande assente è la cultura, in particolare lo spettacolo che dal 1985 è soggetto a una decrescita progressiva dei finanziamenti del FUS (fondo unico per lo spetta...