Gantry 5

top 1

Gantry 5

top 2

Servizi postali

 “Nelle due giornate del 25 aprile e del 1° maggio, Poste Italiane ha “invitato” lavoratori a tempo determinato ed  indeterminato a recarsi a lavoro in una condizione mai verificatasi in precedenza”. Lo denunciano in una nota congiunta il Vice Segretario 
Generale della Cgil, Vincenzo Colla, ed il Segretario nazionale dell’Slc-Cgil, Nicola Di Ceglie.
“Infatti né il contratto nazionale di lavoro, nè tantomeno gli Accordi  sottoscritti tra Azienda ed Organizzazioni Sindacali -specificano i dirigenti sindacali- prevedono attività in tali giornate”.
“Un fatto già grave ed inedito cui -fanno sapere ancora Colla e DiCeglie- si aggiunge che i lavoratori hanno compiuto il servizio 
privi del supporto dei loro responsabili ed in uno stato di assoluto abbandono organizzativo”.
“E’ una condotta da condannare -ha stigmatizzato il Vice Segretario Generale della Cgil- poiché nella giornata del 25 aprile si deve avere normalmente l’opportunità di ricordare il valore fondamentale della libertà e della democrazia”. “Analogamente -ha aggiunto- per il Primo Maggio, una Festa, ma anche un momento di lotta, di rilievo assoluto per tutto il mondo del lavoro cui lavoratrici e lavoratori di ogni settore vogliono aderire e partecipare”.
Ai dirigenti Cgil non sfugge ovviamente che “in giornate come queste, migliaia e migliaia di lavoratori prestano normalmente la propria attività lavorativa, ed un plauso -dicono Colla e Di Ceglie- va a tutti loro. Ma siamo ben consci che si tratta di lavoro regolato e sottoposto a turnazione a ciclo continuo di 24 ore su 24 e per 365 giorni l’anno. Perciò -sottolineano ancora- il contesto in cui si sono verificati i fatti nei luoghi di lavoro interessati costituisce invece ben altra cosa”.
“Sia chiaro che i responsabili aziendali di Poste Italiane non troveranno la Slc-Cgil complice di un percorso così segnato” è la 
posizione del Segretario nazionale Di Ceglie che rimarca: “questo andazzo è destinato a portare a sicuro fallimento il progetto e gli 
obiettivi prefissati dalla riorganizzazione prevista dall’Accordo dell’8 febbraio 2018”.
“Occorre rispetto per i diritti dei lavoratori di Poste -concludono Colla e Di Ceglie- ed il riconoscimento da parte della più grande 
azienda del Paese del lavoro e del sacrificio che essi quotidianamente svolgono”.

0
0
0
s2sdefault

TUTTE LE NOTIZIE

Poste: Comunicato Esito Consultazioni S.P. e lettera scioglimento riserva

  5 Aprile 2013
Si allega la lettera di scioglimento riserva sulle consultazioni. Scioglimento Riserva Servizi Postali COMUNICATO UNITARIO ESITI CONSULTAZIONE LAVORATORI S.P. Si è concluso il percorso assembleare con il quale abbiamo sottoposto ai lavoratori l’ipotesi di accordo...

Poste: OPN incontro 3 aprile e slides

  4 Aprile 2013
Si è tenuta ieri, la riunione dell’OPN. Inizialmente l’azienda ha illustrato lo stato di avanzamento del DVR Elettronico. L’iniziativa aziendale è condivisibile perché in questo modo renderà più omogeneo il documento. Ad oggi, ad esempio, se un territorio faceva int...

Poste: Organismo Paritetico Nazionale per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro

  4 Aprile 2013
Si allegano verbali delle ultime riunioni dell'Organismo Paritetico Nazionale (OPN). Riunione gennaio 2013: OPN 22 gennaio 2013 Riunione dicembre 2012: OPN 12 dicembre 2012 Verbale riunioni anno 2012: OPN verbali anno 2012

Poste: Stato di avanzamento mobilità nazionale al 27/03/2013 graduatorie anno 2012

  4 Aprile 2013
Si allega l'aggiornamento a marzo 2013 delle graduatorie per la mobilità nazionale in Poste Italiane. mobilità_aggiornamenti_27 marzo 2013

Poste: Verbali Fondimpresa e Comitato di Pilotaggio 26 marzo 2013

  27 Marzo 2013
Si allegano verbali del comitato di pilotaggio e Fondimpresa. Verbale del comitato pilotaggio: Comitato Pilotaggio_26 marzo 2013 (1) Verbale Fondimpresa Postel: Verbale Fondimpresa Postel_26 marzo 2013 (1) Verbale Fondimpresa Poste Italiane: Verbale Fondimpresa Po...

Poste: Accordo integrativo al protocollo di intesa sulle RR.LL.S

  22 Marzo 2013
Si allega accordo sui rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza. Accordo RR LL S 21032013