Gantry 5

top 1

Gantry 5

top 2

Servizi postali

Il Segretario nazionale Slc Cgil: “Vantaggi innovativi a tutela di tutti i lavoratori”

(U.S.Slc Cgil) - Roma, 17 mag - Un accordo storico contro il ‘lavoro povero’. È quello intervenuto nella tarda serata di ieri fra i vertici di Poste Italiane, Slc Cgil e le altre sigle sindacali.
Perché accordo storico? Lo spiega Nicola Di Ceglie, Segretario nazionale di Slc Cgil che esprime una grande soddisfazione per le innovazioni introdotte a favore delle lavoratrici e dei lavoratori della maggior azienda del Paese:
“L’intesa, che ha valenza triennale, - fa sapere il sindacalista - prevede due grandi novità: la prima è l’innalzamento del turn over dal 40 al 75 per cento nel triennio. La seconda è la particolare attenzione rivolta ai contratti part time, il cosiddetto lavoro povero, lì dove, con questo accordo, si prevede la possibilità di conversione a tempo pieno a tutti i part time presenti in azienda, sia volontari che involontari. Non era mai avvenuto prima che si arrivasse ad una ridefinizione così massiccia per l’intera platea interessata - chiarisce Di Ceglie -, basti pensare che, solo nel 2024, sono previsti oltre 3.400 passaggi da part time a full time”.
La definizione del nuovo accordo è stata l’occasione per intervenire complessivamente sul sistema delle politiche attive del lavoro, introducendo novità importanti a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori più fragili, come ad esempio le salvaguardie per le conversioni Full Time a favore di inidonei al motomezzo e lavoratori affetti da gravi patologie o inabilità a seguito di infortunio; l’assunzione immediata e diretta delle lavoratrici in stato di gravidanza, mentre, in precedenza, avevano solo un diritto che si realizzava a fine maternità con perdita di anzianità retributiva e contributiva.
Il Segretario valuta positivamente l’accordo raggiunto anche per gli importanti avanzamenti contro la precarietà: “Non solo con l’aumento del tasso di turn over potremo garantire un numero maggiore di stabilizzazioni nel triennio - sono le parole di Di Ceglie - ma consideriamo un grande risultato aver convinto l’azienda a procedere con assunzioni solo full time”.
“Questa intesa è giunta al termine di una serrata trattativa in cui abbiamo fatto valere le ragioni del lavoro -commenta soddisfatto Di Ceglie- ed è dunque il risultato di una battaglia di civiltà, perfettamente in linea con quelle della Cgil che in questo momento è impegnata nella raccolta firme per i referendum. Sappiamo che questo è solo l’inizio, molte cose sono ancora da sistemare, - conclude il sindacalista - ma l’accordo di ieri sera segna un passo decisivo nella giusta direzione”.

Nota sindacale

0
0
0
s2sdefault

TUTTE LE NOTIZIE

Poste italiane: Cgil ed Slc “Governo fa mezzo passo indietro, ma operazione rimane sbagliata. Proseguiamo nel contrasto a privatizzazioni”

(U.S.Slc Cgil) -Roma, 30 mag- “Il contestato progetto di svendita di ulteriori quote di Poste italiane registra oggi un mezzo passo indietro del Governo”. Sono il Segretario confederale Cgil Pino Gesmundo e Nicola Di Ceglie, Segretario nazionale Slc, a “prendere atto...

Poste: Di Ceglie, “Accordo storico contro il lavoro povero”

Il Segretario nazionale Slc Cgil: “Vantaggi innovativi a tutela di tutti i lavoratori” (U.S.Slc Cgil) - Roma, 17 mag - Un accordo storico contro il ‘lavoro povero’. È quello intervenuto nella tarda serata di ieri fra i vertici di Poste Italiane, Slc Cgil e le altre s...

Poste: Solari, "Giorgetti guardi i dati trimestrali. Ha ancora senso privatizzare?"

(U.S.Slc Cgil) - Roma, 15 mag - “Penso che il ministro dell’Economia, Giorgetti, dovrebbe dare un’occhiata alla trimestrale di Poste Italiane. Ne ricaverebbe che l’utile dichiarato per il solo primo trimestre di questo anno è di oltre 500 milioni di euro, di cui circ...

Poste Italiane, interlocutorio l'incontro su Mercato Privati

  10 Aprile 2024   poste italiane servizi postali
Si è svolto oggi l’incontro con l’azienda sulle tematiche relative a Mercato Privati incluse nel Piano Industriale. Si è trattato di un incontro interlocutorio, in cui l’azienda ci ha presentato tutte le linee di sviluppo che riguarderanno la divisione nel prossimo f...

Poste Italiane, No a privatizzazione della maggiore azienda del Paese

Poste: Cgil ed Slc, No a privatizzazione della maggiore azienda del paese. Si vanifica sua funzione sociale (U.S. Cgil ed Slc) -Roma 3 apr- “La più grande azienda del Paese non può essere ceduta o messa sul mercato. Le Poste, presenti capillarmente in ogni piccolo...

Poste: Di Ceglie, “Giorgetti evidenzia stato confusione Governo. Non ci fermeremo nel contrasto a svendita scellerata”

(U.S. Slc Cgil) -Roma, 28 mar- “Le parole del ministro Giorgetti attestano, oltre ogni ragionevole dubbio, lo stato di confusione in cui versa il Governo riguardo la svendita di Poste Italiane”. È il commento di Nicola Di Ceglie, Segretario nazionale Slc Cgil, a quan...