Gantry 5

top 1

Gantry 5

top 2

tlc

ITA Airways annuncia assunzioni su Fiumicino per addetti customer service
Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil: “al danno segue la beffa, con il governo del tutto assente”

Nei giorni scorsi le Segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil avevano segnalato la crescente preoccupazione relativa al susseguirsi di indiscrezioni che vedevano Ita Airways impegnata a ricercare personale da adibire all’assistenza clienti Ita Airways. Le preoccupazioni hanno trovato conferma, a partire da ieri, quando Manpower, nota agenzia di somministrazione, ha pubblicato  un annuncio specifico concernente la ricerca di personale su Roma Fiumicino per addetti al customer care per conto di ITA Airways.

Nell’annuncio che prevede 3 settimane di contratto a tempo determinato, per attività inbound, outbound e back office, oltre all’esperienza specifica nel ruolo viene previsto un rimborso spese di viaggio una-tantum, vitto e alloggio per lavoratori provenienti da fuori regione. Sarà rivolto per caso alle lavoratrici e lavoratori che, tra Palermo e Rende, gestiscono attualmente le chiamate provenienti dai clienti di ITA e sulla cui testa pende una procedura di licenziamento aperta da Covisian?

Tutto questo avviene nonostante scioperi e manifestazioni di protesta di oltre 500 lavoratori tra Palermo e Rende, con le prefetture territoriali interessate, con diversi parlamentari, sindaci e rappresentanti politici territoriali che hanno preso posizioni a difesa dell’occupazione e con un incontro al Ministero del lavoro fissato per il prossimo 20 aprile.

Oltre al danno, con il passare dei giorni, segue la beffa. Un’azienda a capitale pubblico che elude una legge dello Stato e continua a compiere azioni deleterie pur con un tavolo di crisi convocato presso  il Ministero.

Ita Airways, società interamente a capitale pubblico, in sfregio alle leggi dello Stato, senza alcun rispetto per le istituzioni pubbliche, continua inesorabile a perpetrare azioni che rischiano esclusivamente di comportare un disastro occupazionale, generando al contempo un dramma sociale per due territori, Sicilia e Calabria, già devastati da percentuali di disoccupazione elevatissime.

Le Segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil chiedono al governo di intervenire tempestivamente, impedendo, ad una sua “controllata” di proseguire in questo paradossale scempio giuridico, politico e sociale. Se l’epilogo di questa vertenza dovesse generare la perdita anche di un solo posto di lavoro, le federazioni nazionali del settore delle telecomunicazioni di Cgil, Cisl, Uil non esiteranno a richiamare a responsabilità sociale, oltre che giuridica, tutti gli attori complici di questa situazione, dal governo, ad Ita Airways, a Covisian.

Roma, 12 aprile 2022

Le Segreterie Nazionali
SLC CGIL FISTEL CISL UILCOM UIL

0
0
0
s2sdefault

TUTTE LE NOTIZIE

Tv: gruppo Telecity-Telestar-Italia 8 licenzia 60% lavoratori

  21 Febbraio 2017
"La famiglia Tacchino, proprietaria delle emittenti, decide il licenziamento del 60% delle lavoratrici e dei lavoratori di Telecity-Telestar-Italia 8 e la contestuale chiusura delle sedi di Torino e Genova." Lo annuncia una nota congiunta di Fnsi e Slc Cgil. "E’ inc...

Rai: richiesta d'audizione sul servizio pubblico radiotelevisivo

  20 Febbraio 2017
Le scriventi OO.SS. richiedono un incontro urgente per chiarimenti in ordine alle tematiche di seguito descritte. 1. A seguito dell'inserimento di Rai, da parte dell’Istat, nell'elenco delle pubbliche amministrazioni, potrebbero configurarsi una serie di effetti di...

Almaviva: Del Cimmuto, accordo taglia diritti e non innesca sviluppo virtuoso

  20 Febbraio 2017
Con una certa sorpresa il 20 febbraio u.s. alle 14.00 – un’ora prima dell’orario dell’incontro previsto per il pomeriggio della stessa giornata - ci è pervenuta una comunicazione da parte del MISE con la quale viene convocata per martedì 28 febbraio p.v. una riunione...

Otto domande al Governo sul futuro della RAI

  18 Febbraio 2017
Il 30 aprile 2017 scade l’ennesima proroga per il rinnovo della concessione per il servizio pubblico radiotelevisivo che - peraltro - non è l’unico atto necessario per la prosecuzione dell’attività; andrà accompagnata da una convenzione e dal contratto di servizio...