Gantry 5

top 1

Gantry 5

top 2

tlc

INPS SERVIZI, TUTTI I NODI DA SCIOGLIERE NEL PROCESSO DI INTERNALIZZAZIONE

 Nel pomeriggio di mercoledì 21 dicembre si è svolto da remoto l’incontro tra le Segreterie Nazionali Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e la direzione di Inps Servizi rappresentata dal Direttore Generale e dal Responsabile delle Risorse Umane.

Ad inizio incontro è stato fatto immediatamente presente come, a ormai più di 20 giorni dalla partenza del servizio, la disorganizzazione e la confusione continuino a regnare sovrane fino a generare vere e proprie situazioni “al di fuori della legge”:

  • Turnistica agevolata (legata ad esempio a doppio lavoro, prescrizioni medico competente, frequentazioni corsi di studio certificati, assistenza parenti con disabilità, ecc) non ancora applicata, nonostante giuridicamente riconosciuta;
  • Mancato riconoscimento dei passaggi di livello (da 3 a 4) con sentenze;
  • Controlli sull’attività lavorativa in tempo reale, con pressioni continue da parte dei TL sui tempi di lavorazione e sullo stato della barra, che rasentano un vero e proprio controllo individuale a distanza;
  • Applicazione della Banca Ore, al posto del pagamento delle prestazioni supplementari e straordinarie, senza alcun accordo sindacale e senza l’espressa volontà del lavoratore.

Per non parlare poi di quelle situazioni, legate alla mancanza di procedure e di applicativi, che stanno facendo ricadere sui lavoratori tutte le difficoltà dello start-up:

  • Impossibilità di procedere a cambi turni e ferie/rol negati anche quando giustificati da reali e gravi necessità personali;
  • Iniqua distribuzione delle ferie assegnate, unilateralmente da Inps Servizi, nel periodo natalizio;
  • Formazione estemporanea e spesso lasciata alla sola volontà dell’operatore;
  • Sistemi operativi non idonei e non funzionali;
  • Sedi, che anche se dichiarate temporanee, sono spesso disagiate e non utilizzabili in quanto le dotazioni aziendali e i locali prescelti non sono consoni allo svolgimento dell’attività lavorativa;
  • Mancanza di indicazioni su come accedere ad Unisalute. Su questo punto l’azienda ha confermato che a brevissimo comunicherà l’adesione alla polizza sanitaria contrattuale di continuità, dando quindi le indicazioni necessarie per le iscrizioni;
  • Totale assenza di confronto con i territori, le cui centinaia di segnalazioni fatte all’apposito indirizzo mail sono rimaste del tutto inascoltate anche per la mancanza, di nuovo segnalata, di referenti territoriali sindacali;
  • Part-time verticali che nel passaggio hanno visto modificato l’orario ma soprattutto si sono visti trasformare la stessa struttura oraria con turnistica orizzontale.

Quanto precede è volto a indicare le problematiche più strettamente operative, senza tuttavia dimenticare quelle che come Segreterie Nazionali ribadiremo ufficialmente in una piattaforma rivendicativa, assolutamente indispensabile all’inizio del nuovo anno:

  • Recupero degli scatti di anzianità e dei “superminimi contrattuali” persi con il passaggio in Inps Servizi;
  • PT temporanei da riportare all’originario orario di lavoro FT;
  • Consolidamenti orari a partire dai PT a 20 ore settimanali, in modo da affrontare la questione salariale in tutta la sua interezza.

Le risposte da parte della Dirigenza aziendale, pur comprendendo la situazione ancora molto precaria, non possono essere definite soddisfacenti. La Dirigenza INPS Servizi dichiara che in merito ai confronti territoriali le Segreterie Territoriali, le Rsa nominate potranno iniziare da subito gli indispensabili confronti sulle singole sedi, riconoscendo il ruolo agli attuali responsabili di sito. Anche su questo punto più volte discusso nell’ incontro abbiamo espresso dubbi e perplessità.

Sulle ulteriori richieste espresse dalle Segreterie Nazionali l’azienda si è impegnata e dichiarata disponibile a confrontarsi anche in sede plenaria definendo a breve una data ufficiale.

Roma, 22 dicembre 2022

Le Segreterie Nazionali
SLC-CGIL FISTEL-CISL UILCOM UIL

0
0
0
s2sdefault

TUTTE LE NOTIZIE

Comdata: comunicato unitario su incontro 15 maggio

  18 Maggio 2017   Comunicati stampa
Il 15 maggio u.s. si è svolto in sede Assolombarda Milano, l'incontro tra Slc-Fistel-Uilcom, le Rsu e Comdata, a seguito della richiesta sindacale di fare il punto sulle problematiche aperte quali premio di risultato, organizzazione del lavoro, nuovo sistema turnisti...

Tim: comunicato Slc su Trasferimenti e Demansionati

  18 Maggio 2017   Comunicati stampa
In data 17 maggio 2017, a partire dalle ore 18 circa, alcuni lavoratori, coinvolti nei trasferimenti verso Roma ( manovra aziendale discussa poco e contestata molto, per il metodo e il merito), sono stati contattati telefonicamente dall’azienda che avrebbe chiesto ag...

Tv: il modello Sky è da respingere

  17 Maggio 2017
Sky non si ferma nonostante le reiterate richieste da parte sindacale e la sollecitazione delle istituzioni a non procedere con la riduzione di personale. Il 16 maggio sono pervenute alle organizzazioni sindacali le procedure di licenziamento per ulteriori 124 person...

Almaviva: accordo Palermo frutto avvelenato del ricatto occupazionale

  17 Maggio 2017
Il 12 maggio risulterebbe sia stata raggiunta un’intesa tra Almaviva Contact e le Segreterie Territoriali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Ugl Tlc e la RSU del sito di Palermo. Una intesa che investe 2.900 dipendenti e che, ricalcando nei suoi contenuti principa...

Sky: procedure di licenziamento collettivo strumentali, ingiustificate e inaccettabili

  11 Maggio 2017
“Nell’incontro tenutosi presso il Ministero dello Sviluppo Economico, anche alla presenza dei rappresentanti del Comune di Roma, assente la Regione Lazio, il direttore del personale di Sky Italia ha annunciato la volontà di aprire le procedure di licenziamento collet...

Tv: nessun licenziamento a Telecity, Telestar e Italia 8

  11 Maggio 2017
Contratto di Solidarietà elevato alle massime percentuali di legge, chiusura di sedi e trasferimenti interregionali, opzione Part Time, licenziamenti solo senza opposizione fino al 31 dicembre. Si chiude con queste misure draconiane, ma alternative ai 69 licenziament...