Gantry 5

top 1

Gantry 5

top 2

tlc

In data 8 maggio 2023, nell’ambito del previsto incontro con l’azienda Network Contacts, le OO.SS. di SLC CGIL, Fistel CISL, UilCom UIL si sono presentate, con grande spirito di attenzione, con le strutture nazionali, territoriali e le delegate ed i delegati del territorio.

L’incontro è frutto di un percorso che ha visto l’azienda e le OO.SS. confrontarsi sul difficile e delicato momento che, non solo Network Contacts, ma tutto il settore CRM BPO sta affrontando.

La riorganizzazione proposta prevede una sostanziale riduzione del costo del lavoro e la concentrazione, in poli produttivi, in base al mercato di riferimento, con conseguente trasferimento delle lavoratrici e dei lavoratori in differenti regioni.

Ancora una volta le difficoltà del mercato e gli insuccessi commerciali sono interamente “scaricati” sulle lavoratrici ed i lavoratori che già, con un precedente accordo condiviso da queste OO.SS., avevano sostenuto i sacrifici che la situazione imponeva.

Ovviamente, come spesso accade, si vorrebbe trasformare in strutturale la soluzione temporanea proposta dall’azienda, mortificando definitivamente il CCNL delle TLC e ponendo come unica alternativa il trasferimento del personale, rinunciando quindi alla risorsa del lavoro agile.

Il perimetro delle proposte presentate, nei vari incontri, da parte dell’azienda si basava sui seguenti punti:

  • taglio alla tredicesima mensilità,
  • congelamento degli scatti di anzianità,
  • ridotta maturazione dei permessi in favore della banca ore formazione,
  • conferma della gestione economica delle 12 giornate di festività,
  • calcolo diverso del TFR esclusivamente sullo stipendio base con una maturazione ridotta,
  • norma di contrasto alle malattie brevi,
  • pagamento dello straordinario/supplementare in modalità ordinaria,
  • innalzamento da 12 a 24 mesi per il primo passaggio inquadramentale per i neo assunti.

Nel corso dell’ultimo incontro ci sono state  lievi correzioni legate alla tredicesima mensilità  e alla possibilità di incentivi all’esodo su base volontaria.

Sulla base di tutti i punti suddetti che abbiamo ribadito essere irricevibili, l’azienda, ad horas, ha risposto con una comunicazione che indica nelle strutture sindacali la responsabilità dell’interruzione della trattativa e invia, contestualmente, le prime lettere di trasferimento al personale.

Quindi, secondo Network Contacts, il mercato è degradato, il personale un costo da abbattere “smontando” pezzi di Contratto Collettivo e alla rappresentanza sindacale di SLC-CGIL Fistel-CISL UILCOM- UIL va addebitata la responsabilità e la miopia di non aver compreso la criticità del quadro presentato. Rigettiamo totalmente questa ricostruzione dei fatti in quanto, come OO.SS., abbiamo ripetuto per l’ennesima volta che siamo disponibili a trattare fino all’ultimo istante ma senza stravolgere il contratto collettivo nazionale e senza far ricadere sul personale tutte le conseguenze di un eventuale accordo!

Metteremo dunque in campo tutte le iniziative sindacali che riterremo opportune per respingere questo progetto scellerato partendo dall’apertura dello stato di agitazione in tutta Network Contacts e intraprendendo un percorso assembleare per spiegare a lavoratrici e lavoratori le nostre ragioni e condividere le successive azioni di lotta.

Roma, 9 maggio 2023

Le Segreterie Nazionali, Regionali Puglia, Territoriali Bari
SLC-CGIL     FISTEL-CISL     UILCOM-UIL

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Crisi call center, interlocutorio l'incontro al Mimit

  23 Febbraio 2024   call center tlc
In data odierna si è svolto l'incontro tecnico con il Mimit a seguito degli impegni stabiliti il 6 febbraio, tra le Segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni alla presenza del Capo di Gabinetto del Mimit Giorgio Tosi Beleffi e d...

Tlc: Solari, "Bene la svolta europea ma quello italiano rimane un pasticcio"

  22 Febbraio 2024   Comunicati stampa tlc
Tlc: Solari, Slc Cgil, “Bene la svolta europea ma quello italiano rimane un pasticcio. Unica prospettiva per Tim, essere acquisita da prevedibile soggetto industriale Franco-tedesco” (U.S. Slc Cgil) - Roma 22 feb - “Abbiamo salutato con favore la svolta annunciata...

Call Center Tim, migliaia i posti di lavoro a rischio negli appalti

  22 Febbraio 2024   tim call center tlc
Saccone: “Nel corso dell’incontro odierno, convocato presso il MIMIT, richiameremo il governo alle proprie responsabilità”. Oggi il Mimit, come da impegni assunti nel corso dell’incontro dello scorso 6 febbraio in relazione alla vertenza Telecomunicazioni, ha convo...

Abramo, proclamato lo stato di agitazione. Mimit ci convochi subito

  20 Febbraio 2024   tim call center tlc
In data odierna, si è svolto l’incontro tra i rappresentanti dell’azienda Abramo CC in amministrazione straordinaria, le Segreterie nazionali e territoriali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e le RSU per una informativa urgente dell’azienda in relazione alla cassa...

WindTre, lo scorporo della rete non si farà

  15 Febbraio 2024   tlc wind
Ieri mattina, con un comunicato congiunto, i due amministratori delegati di WindTre hanno confermato quanto si andava leggendo ormai da settimane sulla stampa di settore: il matrimonio con EQT e, di conseguenza, lo scorporo della Rete attraverso l’operazione NetCo, n...

Tim: Saccone, “Nessuno strumento di politica attiva per i lavoratori? Riconvocare ad horas il tavolo al Mimit”

  14 Febbraio 2024   Comunicati stampa tim tlc
(U.S. Slc Cgil) – Roma, 14 feb – “Non ci saranno strumenti di politica attiva per gestire la delicatissima situazione di Tim. Un pessimo segnale anche per l'intero settore delle telecomunicazioni, che sta attraversando una ristrutturazione profonda”. È il commento pr...