Gantry 5

top 1

Gantry 5

top 2

tlc

Il giorno 29 maggio u.s. è stato sottoscritto l’accordo per il rinnovo degli ammortizzatori sociali (FIS) in conseguenza dell'emergenza COVID-19 per l'intero Gruppo Mediaset, fra la Direzione Aziendale e le Segreterie nazionali e territoriali di SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL.

Al fine di ridurre l’impatto economico legato all'emergenza COVID-19, Mediaset aveva già usufruito delle prime 9 settimane di ammortizzatore sociale, nel periodo 9 marzo-10 maggio (9 marzo-17 maggio per Medusa e Tao Due). Con il nuovo accordo, come del resto stabilito dal nuovo Decreto Legge “Rilancio", Mediaset usufruirà delle restanti 9 settimane, così articolate: le prime 5 settimane dal giorno 11 maggio al 14 giugno (18 maggio-21 giugno per Medusa e Tao Due); le restanti 4 settimane, in un arco di tempo che va dal 1 settembre al 31 ottobre 2020.

Come nell'accordo sottoscritto il 2 Aprile fra Mediaset e SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL, anche in questo caso sono state confermate le condizioni di miglior favore per i lavoratori, rispetto a quanto previsto dalla normativa.

• Pagamento da parte del Gruppo Mediaset di tutte le spettanze economiche al lavoratore, ivi compresa la quota parte di FIS di competenza dell'Inps.

• Integrazione al 100% da parte del Gruppo Mediaset della quota economica del FIS pagato dall'INPS, a cui si aggiungono i ratei di ferie, permessi, 13sima, 14sima, e Tfr che la normativa sulla Fis non prevede.

• Rotazione fra i più alto numero di addetti in FIS, laddove possibile, così da distribuire più equamente i carichi lavorativi e i disagi.

La Fis, che verrà applicata con tre modalità quantitative diverse (scaglioni da 100%, 60% e 40%), interesserà le seguenti aziende del Gruppo:

Mediaset Italia SpA
RTI – Reti Televisive Italiane SpA
Medusa Film SpA
Tao Due srl
RadioMediaset SpA
Radio Studio 105 SpA
RMC Italia SpA
Virgin Radio Italy SpA
Monradio srl
Radio Subasio srl

1) Come previsto dalla normativa e dal D.L. “Rilancio", e su richiesta aziendale, la Cassa avrà inizio con effetto retroattivo dal giorno 10 maggio e, in una prima tranche, si concluderà il giorno 14 giugno 2020 (18 maggio-21 giugno per Medusa e Tao Due), per un totale di 5 settimane delle 9 settimane messe a disposizione dal Decreto suddetto. Il Gruppo Mediaset si è poi riservato di utilizzare le restanti quattro settimane, nell'arco di tempo dal 1 settembre al 31 ottobre 2020. In quel caso, il Gruppo Mediaset comunicherà alle OO.SS. durata, modalita’ e tempi di utilizzo delle settimane residue di Fis.

2) In considerazione di quanto previsto dall'accordo sullo smaltimento delle ferie e dei permessi arretrati 2019, le parti concordano che l'accordo siglato il 28 marzo sospendera’ la sua efficacia durante i giorni di FIS, alternandosi all’ammortizzatore sociale per assicurare copertura a tutti i lavoratori durante i momenti di stasi produttiva. L’Azienda ha comunque comunicato che la presentazione dei piani ferie è stata posticipata per fine giugno. Resta inteso che, durante le giornate di chiusura collettiva rimanenti, la Fis verrà sospesa per tutti i dipendenti del Gruppo.

3) In considerazione del regime di rotazione previsto, le parti hanno concordato una informazione almeno quindicinale alle Rsu e alle Segreterie Territoriali, su settori impattati e relative percentuali di utilizzo (i suddetti 100%, 60% e 40).

4) Come per le precedenti 9 settimane, anche in questa occasione la FIS sarà utilizzata per tutti i settori, eccezion fatta che per i settori produttivi che l'Azienda intenderà escludere sulla base delle proprie esigenze. La sua programmazione sarà su base settimanale e su articolazione sia verticale (per giorni interi), che orizzontale (per ore giornaliere ripartite con l'orario contrattuale previsto). In caso di necessità produttiva, l’Azienda dovrà comunicare almeno 24 ore prima la necessità di passare dalla Fis al regime ordinario.

Le OO.SS. salutano con soddisfazione il rinnovo di questo Accordo, perché garantisce anche in questa Fase2 la salute e sicurezza dei lavoratori, insieme al reddito e al posto di lavoro. Inoltre OO.SS. e Azienda hanno concordato di intensificare il percorso di continuo confronto sin qui sperimentato in queste fasi emergenziali, perché anche in questa fase di ripartenza può rappresentare il modo piu’ efficace per contrastare gli effetti di questa drammatica crisi.

Roma 01/06/2020

Le Segreterie Nazionali
SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL

0
0
0
s2sdefault

TUTTE LE NOTIZIE

Tim: Cgil e Slc, vendita della rete contro gli interessi del Paese

  6 Novembre 2023   Comunicati stampa tim tlc telecom
Comunicato congiunto Cgil e Slc-Cgil Roma, 6 novembre - "Con la vendita della rete Tim al fondo KKR si apre una fase di grande incertezza per lo sviluppo infrastrutturale del Paese e per l’occupazione". È quanto dichiarano in una nota congiunta il segretario confeder...

Rai conferma il piano immobiliare decennale

  3 Novembre 2023   rai tv emittenza broadcasting
Il giorno 30 ottobre 2023 si è tenuto un incontro fra RAI e le Segreterie Nazionali SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL, FNC-UGL, SNATER, LIBERSIND-CONFSAL. L’incontro, richiesto dalle OO.SS. si è reso necessario per aver un aggiornamento sul Piano Immobiliare già es...

Tim: ora basta, governo riapra subito il confronto sugli esuberi

  30 Ottobre 2023   Comunicati stampa tim tlc
(U.S. Slc-Cgil) Roma, 30 ott – «Ora basta!». Riccardo Saccone, segretario nazionale Slc-Cgil, sbotta su Tim: «dov’è finito il punto nodale di questa vicenda, la difesa del lavoro e dell’occupazione?». Una domanda polemica che sottende l’accusa di aver trasformato tut...

Rai, nessuno distrugga quello che i lavoratori hanno costruito

  27 Ottobre 2023   rai tv emittenza broadcasting
RAI: IL TAGLIO DEL CANONE È UN ATTACCO AL SERVIZIO PUBBLICO Il taglio di 20 euro dal canone Rai, stabilito dal MEF per il prossimo anno, non è soltanto un colpo mortale inferto all’Azienda, ma è una scelta scellerata, che mette a rischio migliaia di posti di lavoro d...

Dl Energia, a rischio 1.500 lavoratori dei contact center

  25 Ottobre 2023   Comunicati stampa call center tlc
(U.S. Slc Cgil) Roma, 25 ott- Col Dl Energia, il governo ha voltato le spalle ai 1.500 lavoratori dei call center addetti all’assistenza clienti. Per Slc-Cgil infatti, «un clamoroso voltafaccia» si consumerà quando, con la votazione prevista per il 30 ottobre prossim...

Ericsson, esodi incentivati non siano l'unica soluzione

  24 Ottobre 2023   ericsson tlc
Lo scorso 19 ottobre si è svolto ida remoto l’incontro tra la società Ericsson Italia, le Segreterie azionali e territoriali di Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil, Ugl-Telecomunicazioni e le Rsu dei vari siti produttivi, per il monitoraggio previsto dall’accordo sotto...