8 produzione culturale elab180x180PRODUZIONE CULTURALE

Nella giornata del 24 giugno 2020, si è tenuto il coordinamento nazionale dei dirigenti sindacali Nazionali, Territoriali e Aziendali dei dipendenti le sale Cinematografiche italiane.

L'ampia e diffusa partecipazione al dibattito, si è concentrata sui temi prevalenti e di fondamentale importanza, messi in discussione anche se in un quadro di emergenza sanitaria e sociale per effetto del COVID-19, che ne ha obiettivamente condizionato le riflessioni.

Nel merito, pur riconfermando unitariamente la disponibilità a concorrere fattivamente alla realizzazione dei Protocolli anti contagio, si è ribadito con fermezza che il tutto debba passare attraverso il rispetto del CCNL vigente con particolare attenzione al contrasto a forme unilaterali di demansionamento professionale e al rispetto di relazioni industriali ispirate ad un modello partecipativo, e in linea con le norme previste in materia di prevenzione e sicurezza disciplinato dal D.Lgs 81/08, dal CCNL di categoria, dai vari DPCM e non ultimo dal protocollo sottoscritto il 24 aprile 2020 tra Governo e Parti Sociali con particolare riferimento alla costituzione dei Comitati Territoriali, con funzioni di proposta e verifica dei Protocolli richiamati.

È stata espressa una netta posizione di contrasto, sia ai singoli tentativi imprenditoriali finalizzati a delegittimare la funzione e la rappresentanza del Sindacato attraverso mezzi e comportamenti tra l'altro posti al confine dell’attività antisindacale vietata dalla L. 300 che, se perseguita, contrasteremo in tutte le sedi competenti, che al non rispetto delle regole contrattuali con riflessi anche di dumping commerciale nei confronti di quelle imprese, che stanno affrontando il problema della ripartenza, con sacrificio e responsabilità nel pieno rispetto delle norme e leggi che disciplinano il Settore.

È ovvio che le aziende che dovessero attuare azioni e comportamenti sopra richiamati, per noi al confine della legalità, verranno con dovizia monitorate e segnalate sia all'Associazione Datoriale ANEC per un richiamo nei confronti dei propri associati, che alle sedi istituzionali competenti compreso il MiBACT, al quale chiederemo formalmente di sospendere, a tali Aziende, qualsiasi contributo pubblico di sostegno economico o fiscale previsto per il Settore, fintanto non verranno ripristinate le buone prassi di rispetto delle norme vigenti in materia di lavoro e sicurezza.

Il coordinamento ha chiesto di porre all'ANEC, una serie di quesiti che vanno da una informazione e mappatura delle Aziende che intendono riaprire l'attività e in quali tempi e su quali territori, sulla esigenza di predisporre un accordo quadro che preveda linee guida a cui fare riferimento in tutto il Settore Nazionale sui vari Protocolli in materia di contrasto alla diffusione del COVID-19, inviando l'intesa per conoscenza ai ministri competenti, pronti a recepirne eventuali contributi.

In merito va richiamata l’attenzione alla specificità del Settore particolarmente esposto al rapporto tra lavoratori e tra gli stessi e i clienti per le attività da svolgere, sbigliettamento, food, pulizia e igienizzazione delle toilette, che a fronte della polifunzionalità, metterebbero a grave rischio l'incolumità delle persone coinvolte e dell'utenza.

Richiesta di chiarimenti anche in tema di anticipazioni economiche e dei sostegni sociali e fiscali.

Si è condivisa inoltre la necessità di contrastare fermamente, in tutte le sedi opportune, qualsiasi azione sanzionatoria e discriminatoria, attraverso ritardate aperture delle sale o richiami parziali dal FIS, verso i lavoratori che, pur disposti a tornare in attività, chiedano il rispetto della propria professionalità e dei protocolli anti COVID 19 condivisi, senza dover accettare di fatto un demansionamento.

Il coordinamento ha inoltre concordato che, pur distinguendo le diverse politiche attuate in questa fase dal fronte datoriale, è necessaria una ferma risposta al tentativo, reiterato nel tempo, di mortificare la categoria procedendo ad una rivisitazione unilaterale del CCNL. L’incontro si è concluso con il richiamo a non definire accordi locali con deroghe al CCNL vigente, che possano prevedere un demansionamento professionale, contraddicendo la piattaforma rivendicativa per il rinnovo contrattuale presentata a dicembre 2019, che ha tra i punti centrali la rivalutazione delle professionalità.

E’ stata da tutti confermata la compattezza e l’unitarietà del sindacato in tutte le sue articolazioni e la volontà di mantenere alto il valore del sindacato quale soggetto abilitato alla contrattazione e alla rappresentanza dei lavoratori.

Roma, 25 giugno 2020


Le Segreterie Nazionali      Le Segreterie Territoriali      Le RSA/RSU-RLS del Settore

SLC-CGIL, FISTel-CISL, UILCOM-UIL

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Fondazioni Lirico-Sinfoniche, riparte la trattativa per il rinnovo del CCNL

FONDAZIONI LIRICO-SINFONICHE: DOPO 20 ANNI DI VACANZA CONTRATTUALE RIPRENDE IL CONFRONTO SUL CCNL Come Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Fials Cisal esprimiamo un giudizio positivo sull’incontro avvenuto oggi, giovedì 26 gennaio, con la delegazione Anfols che ha s...

Sport, positivo il confronto con il ministro Abodi

  16 Gennaio 2023   sport produzione culturale
SPORT: CONFRONTO POSITIVO CON IL MINISTRO ABODI, SI APRE IL DIALOGO SULLA RIFORMA “Cogliamo con grande soddisfazione la disponibilità mostrata dal Ministro Abodi a condividere un percorso di confronto nel merito della Riforma dello sport, che vedrà la luce nel pros...

Spettacolo, stanziati cento milioni per indennità di discontinuità

  21 Dicembre 2022   Spettacolo produzione culturale
SPETTACOLO: CENTO MILIONI PER INDENNITÀ DI DISCONTINUITÀ PRIMO PASSO IMPORTANTE MA NON SUFFICIENTE È notizia di queste ore l’approvazione dello stanziamento di cento milioni di euro per finanziare l’indennità di discontinuità per le lavoratrici e i lavoratori dello...

Spettacolo, tutte le risorse da inserire nella manovra

  20 Dicembre 2022   Spettacolo fus produzione culturale
SPETTACOLO, ECCO TUTTE LE RISORSE DA INSERIRE IN MANOVRA SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL chiedono che con la legge di bilancio 2023 venga stanziato quanto previsto dal DDL SPETTACOLO, di cui si aspettano i decreti attuativi, per realizzare l'indennità di disconti...

Spettacolo, indennità di discontinuità a rischio in legge di bilancio

  17 Dicembre 2022   Spettacolo produzione culturale
LEGGE BILANCIO: GRAVE IL RISCHIO DI ASSENZA DI RISORSE PER L’INDENNITÀ DI DISCONTINUITÀ PREVISTA DAL DDL SPETTACOLO Esprimiamo profonda preoccupazione per il rischio di mancanza di risorse nella Legge di Bilancio 2023 destinate alla realizzazione dell’indennit...

Legge di Bilancio, cultura grande assente

LEGGE DI BILANCIO: DI MARCO (SLC CGIL), CULTURA GRANDE ASSENTE Nella bozza della Legge di bilancio la grande assente è la cultura, in particolare lo spettacolo che dal 1985 è soggetto a una decrescita progressiva dei finanziamenti del FUS (fondo unico per lo spetta...