Gantry 5

top 1

Gantry 5

top 2

Produzione culturale

IPPICA COORDINAMENTO NAZIONALE DEL 10 SETTEMBRE 2020

Il 10 settembre si è tenuto il Coordinamento Unitario Nazionale dell’ippica convocato d’urgenza a seguito della presa di posizione del “Gruppo Ippodromi Associati”, che aveva inoltrato su alcuni Territori la richiesta di avvio di procedura di mobilità.

Nonostante la gravità del momento e l’appello alla partecipazione erano presenti soltanto 4 realtà territoriali: Milano, Napoli, Pisa e Roma.

Il Coordinamento ha sollecitato a reiterare la richiesta d’incontro al Ministero, ribadendo la necessità che i rappresentanti dei lavoratori siano coinvolti nelle decisioni che riguardano il settore, con l’auspicio che l’incontro sia finalizzato soprattutto a far partire un confronto serrato e soprattutto autonomo, per superare in modo definitivo l’emergenza strutturale dell’Ippica.

Da un comunicato del Gruppo Ippodromi Associati, si legge che le Imprese sono state ricevute l’8 settembre dal Direttore Generale del Ministero, e che l’incontro sia stato risolutivo in quanto nella stessa giornata il Ministero ha decretato le sovvenzioni spettanti alle Società di corse. Si fa nota ricordando che fino a quella giornata le OOSS più volte hanno contestato sotto il Ministero per sollecitare la sottoscrizione dei contratti e più volte agli incontri ottenuti con il Ministero hanno sottolineato le difficoltà dei lavoratori i quali avevamo minacciato l’arresto delle attività.

Vedremo, ma è di tutta evidenza che senza un maggior coinvolgimento del settore, rimane difficile pensare ad una diversa azione sindacale, svincolata, anche se non necessariamente contrapposta, al percorso della compagine datoriale.

Nei prossimi giorni le scriventi OO.SS. si attiveranno per un serio coinvolgimento di tutti i territori in cui è presente un ippodromo, provando ad organizzare una mobilitazione nel caso il Ministero non ritenesse di incontrare il Sindacato.

La filiera dell’ippica è importante per il nostro paese considerando anche l’aspetto zootecnico, e il suo futuro non può essere affidato ad incontri sporadici o ad emendamenti infilati in finanziaria all’ultimo minuto.

Roma, 14 settembre 2020

SLC-CGIL  FISASCAT-CISL  UILCOM-UIL
F. Scurpa         S. Ceotto         F. Marziale

0
0
0
s2sdefault

TUTTE LE NOTIZIE

Produzione culturale: comunicato incontro Inps

  1 Febbraio 2013
Si è svolto in questi giorni l’incontro tra le OO.SS di categoria e la Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito dell’INPS per approfondire le modalità applicative dei nuovi ammortizzatori sociali, ASPI e Mini ASPI, nell’ambito del settore artistico. L’a...

Cinema: Sindacati, circuito ex Cecchi Gori, preoccupazione per mancato rilancio

  30 Gennaio 2013
“A tre anni data della gestione della Ferrero Cinemas del Gruppo ex Cecchi Gori, a tutt'oggi il liquidatore del tribunale fallimentare di Roma non ha definito compiutamente il destino del Circuito. Esprimiamo profonda preoccupazione e decisa contrarietà a un metodo d...

Ippica: comunicato

  25 Gennaio 2013
L’ippica si mobilita e scende in piazza La continua attesa delle riforme promesse, la mancata emanazione dei decreti attuativi della L. 135/2012, il costante declino della scommessa ippica nell’assoluta indifferenza degli organi competenti, la conseguente caduta deg...

Produzione culturale: Appello Abbracciamolacultura

  24 Gennaio 2013
Abbracciamolacultura lancia l’appello “Più cultura per lo sviluppo” Per i documenti allegati vedi sotto.   Vengono presentati oggi a Roma il documento programmatico e l’appello a sostenerlo, che la Coalizione Abbracciamolacultura * indirizza alle forze politi...

Produzione culturale: documento unitario mobilitazione Fondazioni Lirico Sinfoniche

  23 Gennaio 2013
Mobilitazione Nazionale contro la distruzione del sistema di produzione musicale, di lirica e di danza-balletto in Italia Nonostante il nostro appello al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro dei Beni e Attività Culturali e al Presidente della Repubbli...

Produzione culturale: conferenza stampa "Più cultura per lo sviluppo"

  18 Gennaio 2013
Perché Pompei e Venezia, emblemi del patrimonio culturale italiano, si sbriciolano? Perché l’Italia non raggiunge gli obiettivi minimi di spesa del programma "attrattori culturali" e deve restituire 33 milioni di euro all'Unione Europea? Perché i talenti artistici e...