Gantry 5

top 1

Gantry 5

top 2

Produzione culturale

COMUNICATO SLC-FISTEL-UILCOM

PRIMO IMPORTANTE PASSO PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO MA C'E' ANCORA MOLTO DA FARE

SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL ritengono positiva l'introduzione nel DL Sostegni Bis di alcune misure che anticipano il Disegno di Riforma del settore da troppo tempo atteso e che viene ritenuto dalle OOSS irrinunciabile, per offrire un futuro al settore e garantire lavoro di qualità, ma che deve completarsi in una riforma strutturale complessiva.

In particolare ritengono siano state accolte parte delle richieste fatte da tempo, ed ultimamente nella fase di consultazione e confronto realizzata dal Mic e dal Ministero del lavoro, con l'introduzione di misure atte a garantire diritti universali quali maternità e genitorialità, indennità di malattia (che passa da 100 a 40 giornate lavorate, garantendo l'accesso alla misura) e l‘assicurazione Inail estesa a tutti i lavoratori dello spettacolo a prescindere dalla forma contrattuale.

Queste norme rappresentano un primo passo di civiltà che riconosce il lavoro di migliaia di donne e uomini, sino ad oggi completamente privi di qualunque strumento di tutela e che svolgono un lavoro essenziale nel sistema produttivo dello spettacolo.

Fondamentale inoltre l'aggiornamento delle figure professionali emerse nel settore, per ricomprenderle nel sistema di tutele, richiesta sollecitata da tempo dalle OOSS, oggi arrivata ad una determinazione che prevede vengano assicurati al Fondo entro 120 giorni dall'entrata in vigore del provvedimento.

Cosi come appare importante il riconoscimento della necessità di un ammortizzatore sociale equiparabile alla Naspi per il lavoro autonomo, con l'introduzione di una misura specifica (Alas) per i lavoratori dello spettacolo, strumento diverso e non sostituibile da quello previsto nel Disegno di Riforma denominato Set (Sostegno Economico Temporaneo).

SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL, ritengono altresì fondamentale l'introduzione di correttivi atti a garantire per i professionisti dello spettacolo la maturazione dell'annualità di contribuzione necessaria per l'accesso al trattamento pensionistico (che passa da 120 gg a 90 gg), per il quale si ritiene vada necessariamente fatto uno sforzo ulteriore per garantire a pieno una platea di professionisti che non può avere diversi trattamenti se operante nello spettacolo dal vivo o nel cineaudiovisivo, e per i quali andrebbe applicata la misura di miglior favore. Si ritiene invece estremamente positiva la possibilità di veder riconosciuti i versamenti in altre gestioni (diverse dal Fondo Lavoratori dello Spettacolo) al fine del raggiungimento della soglia delle giornate utili per il computo dell'annualità in una quota pari a 2/3, e la valorizzazione del lavoro di insegnamento.

Si ritiene inoltre corretta la restituzione a chi contribuisce in maniera sostanziosa con redditi superiori, di giornate contributive al fine di maturare il diritto pensionistico, utile anche ad evitare evasione contributiva.

SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL, ritengono sia invece estremamente delicata la gestione della ripartenza del settore che è stato fermo totalmente per tutto il 2020, il sostegno di 1.600 euro per chi non ha potuto in questo anno esercitare in alcun modo il lavoro, appare una cifra risibile, SLC-CGIL, FISTEL-CISL e UILCOMUIL, ritengono indispensabile che debba essere accompagnata la ripartenza, anche con una ridefinizione del sistema di finanziamento pubblico di cui usufruisce in maniera sostanziosa il settore, al fine di promuovere occupazione e reddito per il lavoro, attraverso monitoraggio e la messa in trasparenza dei percorsi, con la valorizzazione degli osservatori da ampliare e previsti contrattualmente.

Il proseguimento dell'azione riformatrice, congiuntamente all'azione di confronto negoziale messa in campo in questa fase, con la ripertura necessaria di una stagione contrattuale propositiva ed innovativa, in tutti i settori dello Spettacolo dal vivo e del Cineaudiovisivo, deve essere rapida ed orientata, per garantire salari e compensi adeguati e sostenere con trasparenza ed equità un settore strategico per il Paese.

Roma 22 Maggio 2021

Le Segreterie Nazionali di SLC-FISTEL-UILCOM

0
0
0
s2sdefault

TUTTE LE NOTIZIE

Produzione culturale: comunicato incontro Inps

  1 Febbraio 2013
Si è svolto in questi giorni l’incontro tra le OO.SS di categoria e la Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito dell’INPS per approfondire le modalità applicative dei nuovi ammortizzatori sociali, ASPI e Mini ASPI, nell’ambito del settore artistico. L’a...

Cinema: Sindacati, circuito ex Cecchi Gori, preoccupazione per mancato rilancio

  30 Gennaio 2013
“A tre anni data della gestione della Ferrero Cinemas del Gruppo ex Cecchi Gori, a tutt'oggi il liquidatore del tribunale fallimentare di Roma non ha definito compiutamente il destino del Circuito. Esprimiamo profonda preoccupazione e decisa contrarietà a un metodo d...

Ippica: comunicato

  25 Gennaio 2013
L’ippica si mobilita e scende in piazza La continua attesa delle riforme promesse, la mancata emanazione dei decreti attuativi della L. 135/2012, il costante declino della scommessa ippica nell’assoluta indifferenza degli organi competenti, la conseguente caduta deg...

Produzione culturale: Appello Abbracciamolacultura

  24 Gennaio 2013
Abbracciamolacultura lancia l’appello “Più cultura per lo sviluppo” Per i documenti allegati vedi sotto.   Vengono presentati oggi a Roma il documento programmatico e l’appello a sostenerlo, che la Coalizione Abbracciamolacultura * indirizza alle forze politi...

Produzione culturale: documento unitario mobilitazione Fondazioni Lirico Sinfoniche

  23 Gennaio 2013
Mobilitazione Nazionale contro la distruzione del sistema di produzione musicale, di lirica e di danza-balletto in Italia Nonostante il nostro appello al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro dei Beni e Attività Culturali e al Presidente della Repubbli...

Produzione culturale: conferenza stampa "Più cultura per lo sviluppo"

  18 Gennaio 2013
Perché Pompei e Venezia, emblemi del patrimonio culturale italiano, si sbriciolano? Perché l’Italia non raggiunge gli obiettivi minimi di spesa del programma "attrattori culturali" e deve restituire 33 milioni di euro all'Unione Europea? Perché i talenti artistici e...