8 produzione culturale elab180x180PRODUZIONE CULTURALE

venezia lavoro tw

Nella giornata di ieri, giovedì 2 settembre 2021, nelle Giornate degli Autori della 78. edizione della Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia, è stato ospitato l’incontro Il Pnrr per la cultura: protagonista il lavoro.

L’evento, organizzato da Slc Cgil e Anac (Associazione Nazionale Autori Cinematografici), ha visto la partecipazione del ministero della Cultura e l’adesione di numerose associazioni del settore, quali: Fice, Fidac, 100Autori, Una (Acep, Acmf, Aidac, Anart, Cendic, Comitato Millesoci, Federazione Autori, associazione Compositori Interpreti ed Esecutori, NoteLegali, Snac, Uncla, Aut-Autori).

“È la prima volta in assoluto che in una sede come questa viene data centralità al lavoro – sottolinea Sabina Di Marco, segretaria nazionale Slc Cgil – ma oggi le figure professionali dello spettacolo hanno acquisito la consapevolezza di essere lavoratrici e lavoratori a pieno titolo”.

Molte le tematiche da affrontare in autunno. In primo luogo, il compimento di una riforma del settore ancora incerta, per il quale è necessario portare a termine l’iter legislativo. Una riforma che dovrà porsi l’obiettivo di garantire i lavoratori e le lavoratrici attraverso “un reddito di continuità, l’emersione del lavoro nero e un Osservatorio che abbia carattere non solo di studio, ma anche di intervento, monitorando ciò che accade sul piano occupazionale e garantendo l’applicazione dei contratti” – continua la segretaria.

In secondo luogo, l’attuazione del PNRR per il quale viene chiesto di essere protagonisti nelle fasi di progettazione e attuazione allo scopo di porre il lavoro al centro dello sviluppo del settore.

L'Anac afferma la convinzione comune che “la cultura dovrebbe e potrebbe avere un ruolo più centrale, che non sia solo riferito alla digitalizzazione e all’efficientamento energetico” – dichiara Francesco Ranieri Martinotti, regista e Presidente Anac.

A tal fine, è necessario conferire centralità alle professionalità presenti nel settore e alla formazione (anche rispetto alle trasformazioni tecnologiche in atto), strategica nella valorizzazione del fattore umano e, tuttavia, non ancora certificata a sufficienza. “Per una persona giovane che entra oggi nel mondo dello spettacolo è sempre più arduo trovare un percorso che non sia informale, ma non è l’informalità ciò di cui abbiamo bisogno, bensì di strutturare e garantire la realizzazione di un sistema” – sottolinea Di Marco.

Slc Cgil e Anac promuovono due giornate di lavoro da realizzarsi a settembre/ottobre presso Cinecittà – grazie alla disponibilità data dalla presidente Chiara Sbarigia ad ospitarli –, dando centralità allo sviluppo del settore dello spettacolo, in un confronto tra sindacato, imprese e associazioni di mestiere per elaborare e progettare il salto di qualità di cui il nostro Paese ha bisogno.

Roma, 3 settembre 2021

La Segreteria Nazionale
SLC CGIL

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Lettera all'Inps su sostegno al reddito dei lavoratori dello spettacolo.

Spett. INPS Att.ne Presidente dott. Pasquale Tridico Att.ne Vice Presidente dott.ssa Luisa Gnecchi Att.ne dott.ssa D.G. Gabriella De Michele p.c. Direzione Centrale Ammortizzatori sociali Roma 26 ottobre 2020 È ormai insostenibile la condizione in cui versano tan...

Comunicato stampa chiusure spettacolo

COMUNICATO STAMPA È un errore chiudere teatri e sale cinematografiche. Luoghi che avevano garantito le misure contro i contagi, la protezione della salute ai lavoratori e agli spettatori. Il settore obbligato dall’inizio della crisi a fermarsi, deve subire un alt...

Nota incontro con Agis.

  22 Ottobre 2020   Spettacolo teatro danza salute sicurezza
SLC CGIL territoriale Settore Produzione Culturale Roma 22 ottobre 2020 Oggetto: Riunione AGIS. Si è tenuta oggi la riunione con AGIS, che era stata richiesta da SLC CGIL, FISTEL CISL e UILCOM, per chiedere di sottoscrivere un protocollo sicurezza per tutto il...

30 Ottobre Spettacolo in piazza!

  20 Ottobre 2020   Spettacolo produzione culturale
Comunicato unitario Tutto il settore dello spettacolo è stato colpito dai provvedimenti per arginare l’epidemia da Covid-19 che devono trovare il giusto equilibrio tra la sicurezza per lavoratori e pubblico e una spinta più decisa ed innovativa verso il rilancio de...