Gantry 5

top 1

Gantry 5

top 2

Servizi postali

POSTE ITALIANE S.p.A.
RISORSE UMANE E ORGANIZZAZIONE
Dott. Pierangelo SCAPPINI


RESPONSABILE RELAZIONI INDUSTRIALI
Dott. Salvatore COCCHIARO
LL.SS.

Roma, 9 marzo 2020

OGGETTO: emergenza contagio Coronavirus.

Varato l’ennesimo DCPM recante misure, a valenza nazionale, sempre più urgenti e stringenti di contenimento del contagio. Tale frenetica attività di Governo a dimostrazione della gravità di un fenomeno epidemiologico che avanza in modalità sempre più celere ed incontrollata.

Siamo tutti chiamati, con estremo senso di responsabilità, al rigoroso rispetto di tali disposizioni, pur ritenendo fondamentale la presenza della nostra grande Azienda sul territorio, unitamente all’azione di un Sindacato che concentra su di sé il legittimo disorientamento delle persone.

Ci siamo astenuti, sino ad oggi, dall’esprimere valutazioni di merito sulle misure adottate dal Comitato di Crisi, sempre rispettosi del lavoro altrui e soprattutto per evitare la diffusione di un ulteriore sentimento di panico, ma sempre consapevoli della gravità della situazione. Tuttavia, esprimiamo preoccupazione in relazione alla percezione che qualcuno ancora non recepisca una presa d’atto di quale sia la reale situazione entro cui siamo immersi, con conseguente mancanza di scelte forti, a fronte di un rischio che incombe in maniera sempre più marcata ed inesorabile.

Nello specifico:

- evidenziamo una significativa carenza nell’applicazione delle misure di prevenzione igienico sanitarie; mancano infatti negli uffici soluzioni idroalcoliche per l’igiene personale e le operazioni di sanificazione e disinfezione degli ambienti presentano forti limiti in relazione all’impreparazione delle ditte di pulizia e al non impiego di prodotti adeguati;

- piuttosto fumose e prive di riferimenti certi le disposizioni inerenti la gestione del flusso di operatività negli uffici postali, quali, ad esempio, quelle relative all’accesso contingentato della clientela negli stessi. Inoltre, non comprendiamo l’utilità nel mantenerli tutti aperti;

- la consegna delle mascherine deve avvenire con prescrizioni chiare e che non diano adito a dubbi interpretativi. Deve trattarsi di una consegna effettiva per un utilizzo concreto e non di un generico riferimento ad un approvvigionamento da utilizzarsi in casi di necessità;

- le sale consulenziali risultano da sempre insediate in spazi angusti, oggi assolutamente inadeguati rispetto alle disposizioni delle Autorità emanate in termini di distanze tra persone da rispettare per scongiurare il contagio. Da evitare inoltre ogni forma di spostamento dei venditori mobili.

Pur condividendo, lo rimarchiamo, la necessità di garantire ovunque i nostri servizi, rappresentiamo l’impellente esigenza di razionalizzare l’attuale operatività, riparametrandola ad un minimo essenziale che consenta un presidio di garanzia sull’intero territorio nazionale e ritenendo la salute delle Lavoratrici e dei Lavoratori un bene primario, assolutamente non negoziabile.

Occorre garantire, inoltre, il necessario monitoraggio sull’esatta realizzazione in periferia di tutte le iniziative assunte a livello centrale, ritenendo poco credibili prescrizioni prive di momenti essenziali di verifica.

Conserviamo ancora oggi quello spirito propositivo e responsabile che ha contraddistinto il nostro approccio ad un tema così delicato e continuiamo a guardare avanti con estrema fiducia, confidenti nelle capacità della nostra Comunità Scientifica. Ma è arrivato il tempo in cui ciascuno debba fare la propria parte, assumersi le proprie responsabilità, con coraggio e senza inutili infingimenti. E’ in gioco la sicurezza di un intero Paese, il nostro Paese, una posta in gioco troppo alta per poter essere sottovalutata, trascurata, sottaciuta. Le conseguenze che ne deriverebbero sarebbero devastanti, per tutti.

In attesa di riscontro, distinti saluti.

LE SEGRETERIE NAZIONALI
    SLP- CISL     SLC- CGIL     UILPOSTE-UIL   FAILP-CISAL        CONFSAL COM     FNC – UGL COM.NI

M.Campus    N.Di Ceglie         C. Solfaroli     W. De Candiziis       R. Gallotta            S.Muscarella

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Cgil e Slc: no a privatizzazioni, tutelare asset strategici del Paese

Comunicato congiunto Cgil e Slc-Cgil Roma, 16 ottobre – “In una fase in cui sarebbe urgente intervenire per costruire politiche industriali e di sviluppo in grado di rilanciare il sistema industriale e con esso l’occupazione e l’economia, si pensa invece a ricette sb...

Poste Italiane, raggiunto l'accordo sul lavoro agile

  15 Settembre 2023   poste italiane servizi postali
Al termine di un intenso e non facile confronto, questo pomeriggio è stato siglato l’accordo sul Lavoro Agile, che avrà validità fino al 31 dicembre 2024. Nella fase iniziale della trattativa, abbiamo respinto con forza le pressanti richieste dell’Azienda di ridurr...

Elezioni RSU/RLS Poste Italiane, SLC CGIL secondo sindacato

  31 Marzo 2023   poste italiane servizi postali
ELEZIONI RSU/RLS POSTE ITALIANE: SLC CGIL SECONDO SINDACATO DEL GRUPPO, PRIMO IN POSTE VITA Il dato politico rilevante: Slc Cgil unica organizzazione ad avere un riscontro tra preferenze e iscritti Lo scorso 28 e 29 marzo si sono tenute le elezioni per il rinnovo d...

Indagine sulle condizioni di salute di chi lavora in Poste Italiane

I cambiamenti radicali dell'attività di lavoratrici e lavoratori di Poste Italiane hanno determinato nuovi rischi per la loro salute. Gli obiettivi dell'azienda impongono ritmi incalzanti che possono compromettere l'integrità psicofisica dei dipendenti. SLC CGIL e...

Elezioni RSU/RLS Gruppo Poste Italiane

  1 Marzo 2023   poste italiane servizi postali rsu
Il 28 e 29 marzo 2023 si terranno le elezioni per il rinnovo di RSU e RLS nel Gruppo Poste Italiane. Scorri le slides e scopri il programma SLC CGIL

Poste Italiane, SLC CGIL sul progetto Polis

  2 Febbraio 2023   poste italiane servizi postali
ROMA 31 GENNAIO 2023 – Ieri presso il Centro Congressi la Nuvola di Roma, Poste Italiane ha presentato il progetto Polis - Case dei servizi di cittadinanza digitale alla presenza delle massime cariche dello Stato e dei 7 mila sindaci dei comuni interessati dall’inizi...