6 servizi postali elab180x180SERVIZI POSTALI

#CoronaVirus in Poste Italiane

Sono giorni difficili quelli che stiamo vivendo, ci toccano come persone e come sindacalisti nello stare accanto ai Lavoratori di Poste Italiane, coloro che in questo momento, nel silenzio generale, fanno parte delle categorie più a rischio contagio eppure, nonostante tutto, stanno dimostrando un grande senso di responsabilità, consci di lavorare in una azienda importante per l’impatto sociale sul sistema paese. La stessa azienda che non sempre si è dimostrata in grado di affrontare la crisi pandemica che sta mettendo a dura prova il paese: si palesano ed evidenziano in questo momento più che mai la poca coerenza nella trasmissione delle disposizione tra il centro e la periferia, il pressapochismo e la continua ricerca di un visibilità personale di alcuni dirigenti territoriali che approfittano della situazione per trarne benefici personali, mettendo troppo spesso a rischio la salute e la sicurezza dei Lavoratori.

Non possiamo neanche ritenerci soddisfatti della parte governativa nel settore che ci riguarda: aspettiamo ormai da troppi giorni il tavolo triangolare Mef-Banche-Poste sulla individuazione dei servizi essenziali da erogare; mentre nel frattempo l’Anci chiede attraverso alcuni Prefetti, la riapertura degli uffici postali senza tener conto che un piano temporaneo e contingente di razionalizzazione della rete postale era stato faticosamente negoziate dal sindacato, sono gli stessi sindaci che nei loro comuni hanno chiuso gli uffici al pubblico e che denunciano quotidianamente la mancanza di strumenti sanitari di protezione individuale, quelli che ora immolano nuovi eroi sull’altare del consenso politico.

Senza considerare i circa duemila Lavoratori a tempo determinato che, oltre a vivere il disagio della crisi pandemica, vengono quotidianamente vessati dai capetti di turno: Poste Italiane, con un gesto di apparente generosità e riconoscenza, ha prolungato il loro contratto fino alla scadenza dei dodici mesi; un gesto di “apparentemente generosità” perché a questi Lavoratori invisibili nulla viene donato ed anzi, stanno dando un grande contributo all’azienda con il proprio lavoro e la propria responsabilità in tutti i centri di smistamento e di recapito. Sono Lavoratrici e Lavoratori che, pur non avendo alcuna garanzia di vedere il loro contratto trasformato a tempo indeterminato, si stanno sacrificando facendo turni massacranti e mettendo a rischio la propria salute e di riflesso quella dei propri familiari. Si sentono solidali con i loro colleghi “più fortunati” perché stabili, aiutandoli e infondendo coraggio ogni giorno. Forse il valore della solidarietà fra Lavoratori con condizioni diverse, è una delle più belle pagine di questo brutto momento storico che stiamo vivendo.

A tutte le Lavoratrici e Lavoratori stabili e precari di Poste Italiane un grazie non retorico dalla Segreteria Nazionale Slc, nella consapevolezza che dobbiamo crederci perchè alla fine andrà tutto bene.

Lo abbiamo scritto in innumerevoli documenti e lo vogliamo riaffermare con forza: viene prima la salute e la sicurezza dei Lavoratori e poi il profitto.

La Segreteria Nazionale
SLC CGIL
Dipartimento Area Servizi

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Poste: chiarezza su accordi su politica occupazionale

  29 Ottobre 2018
“Nelle ultime settimane si sono susseguiti comunicati e dichiarazioni di alcuni esponenti della politica e delle Istituzioni in merito alle azioni occupazionali che Poste Italiane, in accordo con il Sindacato, sta mettendo in atto su tutto il territorio nazionale.” C...

Poste: Verbale di incontro verifica accordo politiche attive del 13 giugno 2018

  18 Ottobre 2018
Si è svolto ieri il previsto incontro di verifica sull’applicazione dell’accordo del 13 giugno. Nel corso della riunione ci siamo soffermati in particolare sulla definizione delle regole per dar corso alla mobilità nazionale, ulteriore step previsto dall’ac...

Poste: comunicato incontro Mercato Privati

  28 Settembre 2018   Comunicati stampa
Si è conclusa la riunione su mercato privati, nel corso della quale l’azienda ci ha illustrato gli avanzamenti rispetto a quanto avevamo richiesto negli incontri precedenti. Abbiamo ribadito la necessità di accelerare in tempi certi gli interventi in particolare modo...

Postel: rinviare trasferimento della sede genovese

  28 Agosto 2018
Il Segretario Nazionale Slc Cgil Nicola Di Ceglie ha scritto ai vertici di Postel circa la sicurezza dei lavoratori genovesi di Postel. Stante l’immane ferita subita da Genova con l’insieme delle perdite umane e dei danni materiali e logistici conseguenti al crollo...