Gantry 5

top 1

Gantry 5

top 2

tlc

CLAUSOLA SOCIALE ENEL
ACCORDO PER 163 LAVORATORI DI PISTOIA. DAL 1° DICEMBRE ASSUNTI DA ATI TECNOCALL / SOFTLAB TECH A UGUALI CONDIZIONI ECONOMICHE E NORMATIVE

 Nell'ambito della gestione della clausola sociale relativa alla commessa Enel Energia, si è raggiunto ieri l'accordo tra le segreterie nazionali e territoriali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Ugl Telecomunicazioni, le Rsu, le aziende subentranti Tecnocall e Softlab e l’azienda uscente System House, che regolamenta le condizioni di passaggio dei lavoratori coinvolti nel cambio di appalto.

I 163 lavoratori impattati dal cambio di appalto manterranno profili orari, livelli, scatti di anzianità, art.18, anzianità convenzionale, iniziando la loro attività, senza soluzione di continuità, a partire dal 1° dicembre, presso le sedi di Pistoia. Inizialmente le aziende subentranti opereranno dalla stessa sede in cui i lavoratori lavorano da anni, per poi spostarsi in un altro sito produttivo a poche centinaia di metri di distanza. Il contratto applicato, in coerenza con quanto avviene in tutti gli appalti di customer care di Enel, sarà quello delle Telecomunicazioni.

Le aziende SoftLab e Tecnocall, su richiesta delle organizzazioni sindacali, si sono impegnate ad assumere il personale proveniente delle aree di staff collegati alla commessa.

La clausola sociale si conferma uno strumento contrattuale sempre più consolidato che ha garantito negli ultimi 4 anni il passaggio d'azienda per oltre 15mila addetti ad invarianza economica e normativa. Le buone pratiche di contrattazione inclusiva, realizzate dal sindacato confederale, hanno inoltre permesso di andare ben oltre le mere procedure di cambio di appalto, garantendo piena continuità occupazionale.

Inizia nel migliore dei modi un percorso di cambi di appalto relativamente alle attività di Enel Energia che vedrà nei prossimi mesi oltre 2mila lavoratori cambiare azienda. Enel si conferma una stazione appaltante sensibile alle rivendicazioni sindacali ed attenta alle condizioni economiche e normative delle lavoratrici e dei lavoratori operanti nel mondo degli appalti.

Nello specifico, vista la storia pregressa di questi lavoratori che negli ultimi 14 anni hanno dovuto affrontare ben 3 procedure fallimentari, ci si augura che questo accordo possa dare continuità alle garanzie ed alla serenità che i lavoratori, dopo tante tribolazioni, avevano ritrovato negli ultimi anni.

Le Segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni esprimono soddisfazione per l'ennesimo accordo sottoscritto a tutela dell'occupazione, del reddito e dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori del settore dei contact center.

Roma, 16 novembre 2022 

Le Segreterie Nazionali
SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL, UGL TELECOMUNICAZIONI

0
0
0
s2sdefault

TUTTE LE NOTIZIE

Tv: gruppo Telecity-Telestar-Italia 8 licenzia 60% lavoratori

  21 Febbraio 2017
"La famiglia Tacchino, proprietaria delle emittenti, decide il licenziamento del 60% delle lavoratrici e dei lavoratori di Telecity-Telestar-Italia 8 e la contestuale chiusura delle sedi di Torino e Genova." Lo annuncia una nota congiunta di Fnsi e Slc Cgil. "E’ inc...

Rai: richiesta d'audizione sul servizio pubblico radiotelevisivo

  20 Febbraio 2017
Le scriventi OO.SS. richiedono un incontro urgente per chiarimenti in ordine alle tematiche di seguito descritte. 1. A seguito dell'inserimento di Rai, da parte dell’Istat, nell'elenco delle pubbliche amministrazioni, potrebbero configurarsi una serie di effetti di...

Almaviva: Del Cimmuto, accordo taglia diritti e non innesca sviluppo virtuoso

  20 Febbraio 2017
Con una certa sorpresa il 20 febbraio u.s. alle 14.00 – un’ora prima dell’orario dell’incontro previsto per il pomeriggio della stessa giornata - ci è pervenuta una comunicazione da parte del MISE con la quale viene convocata per martedì 28 febbraio p.v. una riunione...

Otto domande al Governo sul futuro della RAI

  18 Febbraio 2017
Il 30 aprile 2017 scade l’ennesima proroga per il rinnovo della concessione per il servizio pubblico radiotelevisivo che - peraltro - non è l’unico atto necessario per la prosecuzione dell’attività; andrà accompagnata da una convenzione e dal contratto di servizio...