6 servizi postali elab180x180SERVIZI POSTALI

Siglato nella giornata del 26 luglio, dopo un serrato confronto, l’accordo sul Premio di Produttività destinato ai lavoratori di Poste Italiane e delle Aziende Gruppo, vigenza anno 2016.
L’intesa mette in protezione gli importi di produttività dell’anno in corso e assume valenza particolare sia in considerazione del delicato clima relazionale entro cui essa è maturata, sia per i tratti di merito che esprime. Infatti, nonostante trattasi di una sostanziale proroga per l’anno in corso dei contenuti del premio 2015, l’esito del negoziato introduce importanti modifiche che riguardano gli obiettivi a carattere nazionale, a cui è legata l’erogazione del 20% del Premio:
Divisione PCL, peso 10%, al raggiungimento di due obiettivi
- realizzazione progetto Bari;
- implementazione nuova flotta aziendale.
Divisione MP, peso 10%, al raggiungimento di due obiettivi
- conformità di processo, con numero ben definito di profilazioni MIFID e IVASS;
- qualità percepita sulle operazioni finanziarie a normativa MIFID, certificata dal Marketing Strategico.
Il restante 80% legato all’EBIT.
E’ evidente che la struttura del Premio garantisce margini ampi di realizzazione.
L’accordo apporta modifiche importanti all’allegato 4, rivalutando alcune figure professionali alle quali viene giustamente riconosciuta la quota di produzione, anziché quella di staff. Infatti, passano nei profili di produzione i colleghi di MBPA che svolgono il ruolo di venditore junior, account, account specialista, venditore PAL, venditore business, venditore specialista. Inseriti anche in produzione i venditori mobili di filiale e quelli di operazioni bancoposta (ex CUAS). Assunto, altresì, dalle parti l’affidamento a definire, entro il primo trimestre 2017, il rinnovo triennale del PdR, periodo 2017-2019; in tale occasione saranno valutate le posizioni di altre figure professionali ancora oggi codificate in profili di staff, nonostante, a nostro avviso, svolgano compiti connessi alla produzione.
Nelle prossime settimane dovrà avviarsi analogo confronto in Postel, Poste Mobile e Postecom, aziende titolari di un proprio PdR contrattato con le scriventi OO.SS.
LE SEGRETERIE NAZIONALI SLP CISL SLC CGIL FAILP CISAL CONFSAL COM.NI UGL COM

Scarica il verbale: Verbale 26 luglio 2016_PdR

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Poste: in piano industriale necessari investimenti in logistica e presidi territoriali

  15 Novembre 2017
"Apprendiamo dalla stampa nazionale alcune indiscrezioni relative alle linee del costruendo piano industriale, in mano al Dott. Del Fante, AD di Poste Italiane Spa. Ci fa piacere leggere, ancora una volta, la particolare attenzione che si intende porre sul settore p...

Poste: bilancio consente adeguato rinnovo Ccnl

  10 Novembre 2017
"I dati di bilancio di Poste Italiane illustrati ieri dall'Amministratore Delegato Matteo Del Fante confermano quanto in questi giorni affermano Slc Cgil e UILposte: un risultato netto consolidato di circa 720 milioni e ricavi di oltre 26 miliardi di euro consentono...

Servizi postali: documento coordinamento

  8 Novembre 2017
Il Coordinamento Nazionale Area Servizi si è riunito in data odierna. I lavori sono stati aperti dalla relazione del Segretario Di Ceglie, il quale ha illustrato gli ultimi sviluppi della situazione politico sindacale. Il Coordinamento si è espresso favorevolmente s...

Poste: Comunicato unitario incontro 2 novembre 2017 con l'AD

  3 Novembre 2017   Comunicati stampa
Nel corso dell'incontro odierno l'Amministratore Delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante, ha illustrato le gravi difficoltà che l'Azienda sta affrontando nell'ambito di PCL (attraverso un estratto del futuro Piano Industriale 2018/2020); difficoltà rivenienti pr...

Servizi postali: riunione coordinamento

  30 Ottobre 2017
Il Coordinamento Nazionale Area Servizi si è riunito in data odierna. I lavori sono stati aperti dalla relazione del Segretario Di Ceglie il quale ha illustrato le ragioni della mancata firma del verbale di riunione dello scorso 25 ottobre, declinandone i contenuti...

Poste: strappo relazioni industriali su rinnovo Ccnl

  26 Ottobre 2017
“Nella giornata di ieri si è consumata in Poste Italiane, la più grande azienda pubblica del Paese, una brutta pagina delle relazioni industriali. L’azienda ha sbagliato nel metodo e nel merito”. Così, in una nota congiunta, il segretario confederale della Cgil Vince...