5 tlc elab180x180TLC E EMITTENZA

la7 stato agitazione tw

 

Nella giornata di ieri, giovedì 14 Ottobre, si è consumata l’ennesima, infruttuosa tappa della estenuante trattativa con l’Azienda per il rinnovo degli accordi. A fronte dell’ennesimo tentativo di La7 di proporre testi, a nostro avviso, troppo sbilanciati a suo vantaggio, e che non tenevano adeguatamente conto delle esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori, le Segreterie Nazionali e Territoriali di SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL, unitamente alle RSU, hanno dovuto prendere atto dello stallo della trattativa.

Questa presa di posizione è giunta a valle di molti incontri insoddisfacenti, a cui le OO.SS. hanno partecipato per senso di responsabilità, e in cui l’Azienda, complice anche la crisi COVID, non ha mostrato la volontà necessaria per giungere a una conclusione positiva della trattativa.

Per queste ragioni, le OO.SS. hanno deciso di interrompere la discussione, proclamando lo stato di agitazione, che sarà accompagnato da un fitto calendario di assemblee in cui verranno spiegate le ragioni della rottura, e in cui si cercherà di riannodare, con la forza delle lavoratrici e dei lavoratori di LA7, il filo di una trattativa che deve essere riaperta, ma a condizioni diverse dalle attuali.

Di seguito le richieste che abbiamo presentato in tutti questi mesi e che ripresenteremo all’auspicabile ripresa della trattativa:

• un PDR che sia in linea con quello delle altre grandi Aziende del Settore, e che riconosca il contributo produttivo delle lavoratrici e dei lavoratori di LA7 con indicatori trasparenti e non impossibili da centrare;
• un accordo sullo Smartworking che riconosca diritti e tutele (diritto alla disconnessione, mantenimento delle sedi e dei perimetri aziendali, ecc.), in cui il buono pasto non sia continuamente messo in discussione dall’Azienda, ma sia riconosciuto per accordo tra le parti;
certezze per i neo-assunti e i tempi determinati, affinché abbiano le stesse tutele e condizioni degli altri colleghi, e dove vengano loro riconosciuti il ticket pasto, e tutti gli altri istituti (14esima, ecc);
• disponibilità a discutere un allungamento della durata e delle causali dei Tempi Determinati, chiesta dall’Azienda, ma legata a un percorso di stabilizzazione serio e condiviso, mediante un accordo che ne stabilisca con certezza tempi e modalità;
• necessità di riconoscere alle lavoratrici e ai lavoratori, anche per quest’anno di pandemia, un riconoscimento economico sotto forma di una-tantum da concordare fra le parti.

Queste sono le richieste che le OO.SS. hanno ribadito in tutti questi mesi, e a cui l’Azienda ha dato risposte, a nostro avviso insoddisfacenti. Per queste ragioni, dato lo snodo centrale della trattativa, le OO.SS. si sono viste costrette a proclamare lo stato di agitazione, chiamando le lavoratrici e i lavoratori a un confronto su questi temi.

Solo così si potranno creare le condizioni per una riapertura efficace del negoziato con l’Azienda.

Roma 15/10/2021

Le Segreterie Nazionali
SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL

0
0
0
s2smodern

TUTTE LE NOTIZIE

Rai Way, un grave errore avallare la vendita

  8 Marzo 2022   rai emittenza raiway broadcasting
La scelta del Governo di consentire alla RAI di vendere la proprietà di RAI Way, la società controllata proprietaria dell'infrastruttura trasmissiva del segnale, è sbagliata nel metodo e nel merito. Nel metodo, perché avviene "a freddo" attraverso la firma di un De...

Tim, ecco perché lotteremo contro il nuovo piano industriale

  7 Marzo 2022   tim tlc telecom
Con la presentazione del Piano di impresa 2022/2024 i vertici del Gruppo TIM hanno definitivamente scelto di imboccare la strada della “DEMOLIZIONE” del Gruppo SIP-TELECOM oggi TIM, erede dell’ex monopolista. Il piano prevede la nascita di una società di rete ed un...

Comdata/Network, richiesta d'incontro urgente a INPS

  7 Marzo 2022   comdata call center tlc
  Nella giornata di ieri la RTI Comdata/Network ha comunicato alle scriventi Segreterie Nazionali la decisione di INPS, legata a motivi di budget, di applicare da alcuni giorni il cap delle chiamate in entrata (limitatore di chiamate), previsto dal contratto c...

Tim, tanto tuonò che piovve

  4 Marzo 2022   tim tlc telecom
Con la presentazione del Piano Industriale di TIM di ieri sera finalmente il quadro è svelato. Con la nascita della società dei servizi e con la società della rete finisce definitivamente la storia dell’ex monopolista per come l’abbiamo conosciuta. Nel disegno trac...

Open Fiber, incontro con l'a.d. del primo marzo

  3 Marzo 2022   tlc
Il 1 Marzo si è svolto un incontro delle scriventi Segreterie Nazionali con il nuovo AD di Open Fiber. Il dottor Rossetti si è presentato alle OO.SS., ha illustrato brevemente la nascita di Open Fiber e le linee di indirizzo del piano industriale approvato a d...

Vodafone Italia, ecco cos'è emerso nell'incontro del 28 febbraio

  1 Marzo 2022   tlc vodafone
In data 28 febbraio si è svolto un incontro tra Vofadone Italia, le Segreterie nazionali e territoriali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni, il coordinamento RSU con all’ordine del giorno: chiusure collettive, aggiornamento progetto reskilling...